Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Morolo. Pericolo di caduta massi: chiusa dal sindaco la scuola materna “N. Mori”; gli alunni delle cinque classi saranno ospitati nei locali dell’Istituto “E. Biondi”

9 settembre 2017

Chiusa la scuola materna Nazzareno Vori di Morolo. Da martedì, giorno dell'inizio dell'anno scolastico, gli alunni delle cinque classi delle elementari, verranno temporaneamente ospitati dall'Istituto Ernesto Biondi. La decisione è stata assunta in maniera urgente dal sindaco Anna Maria Girolami dopo la chiusura della Pedemontana, (ordinata dalla Provincia) e della passeggiata S. Antonio, a causa del pericolo di caduta massi che i vigili del fuoco hanno rilevato a seguito dell'incendio che, lo scorso 28 Agosto, ha colpito il territorio comunale: "Una decisione - ha spiegato il sindaco - adottata per tutelare l'incolumità degli alunni e delle loro famiglie e favorire l'accesso ai mezzi di soccorso. L'incendio ha purtroppo provocato seri danni alla montagna e il rischio di caduta massi è concreto. L'ordinanza sarà valida fin quando le autorità non ci diranno che la viabilità è stata ripristinata. Il nostro intento è quello di tutelare gli alunni, le famiglie e gli operatori scolastici. Il plesso Biondi è pronto per accogliere tutti". Per l'occasione, il primo cittadino morolano, ha voluto augurare un buon anno scolastico ai 360 alunni, agli insegnanti, ai dirigenti e al personale: "L'augurio è che possa essere un anno ricco di soddisfazioni per tutti e di crescita per i nostri giovani. Voglio ringraziare la dirigenza scolastica che ha sempre lavorato con noi in piena sintonia".


TI POTREBBERO INTERESSARE

Morolo celebra lo scultore Ernesto Biondi nel centenario della sua morte. Davvero ricco il programma stilato dal “Comitato storia, arte, cultura E. Biondi” e patrocinato dall’amministrazione comunale guidata da Anna Maria Girolami. Si comincia domani (martedì 4 Aprile) a Roma, dove l’artista morolano è morto il 5 Aprile del 1917 con l’intitolazione della targa alla memoria in Via degli Scipioni alle ore 10.
Sta per partire un nuovo anno scolastico e il Comune di Morolo è già pronto a fornire a tutti i docenti, il personale scolastico, gli alunni e le loro famiglie il massimo del comfort all’interno e all’esterno degli edifici per consentire il regolare svolgimento delle lezioni già dal primo giorno. Vanno in quest’ottica tutti i lavori realizzati nel corso dell’estate come il rifacimento della copertura della scuola materna e la creazione di un impianto fotovoltaico.
Sabato 25 marzo prossimo, a partire alle ore 15.00, in località Madonna del Piano di Morolo, nei pressi del distributore Esso, si terrà la cerimonia inaugurale per la messa a disposizione di un defibrillatore per la cittadinanza. Il programma della cerimonia prevede l'apertura dei lavori da parte del presidente della Sogit Croce Rossa di San Giovanni di Morolo; si procederà poi con l'intervento del sindaco dott.ssa Anna Maria Girolami per passare poi alla consegna del defibrillatore da parte dei componenti della Sogit e la benedizione di don Francesco. A seguito sono previsti l'intervento a cura della dott.ssa Simona De Vecchis sull'importanza del BLSD e una simulazione dell'uso del defibrillatore con manichino. Tutti sono invitati a partecipare.
Morolo celebra lo scultore Ernesto Biondi nel centenario della sua morte. Dopo l’intitolazione della targa in sua memoria in Via degli Scipioni avvenuta martedì a Roma, le iniziative si spostano a Morolo per un week end davvero intenso e significativo. Alle 17 di domani 7 Aprile, all’Auditorium Comunale, verrà presentato il libro per ragazzi:
Nella mattinata di oggi la Compagnia Carabinieri di Anagni ha effettuato una conferenza agli studenti della Scuola Media Ernesto Biondi di Morolo alla quale ha partecipato il Luogotenente DE Rosa Pierluigi, comandante della locale Stazione. Tale iniziativa è connessa al protocollo di intesa denominato “Contributi dell’Arma dei Carabinieri alla formazione della cultura della legalità” che il Comando Generale dell’Arma ha concordato con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.