Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Acuto, individuato e multato di 600 euro il 61enne sporcaccione responsabile di aver gettato rifiuti in strada

9 agosto 2017

Nella mattinata di oggi, ad Acuto, all’interno dei locali dell’ex Stazione Ferroviaria siti lungo la via Prenestina, i Carabinieri della locale Stazione durante mirati servizi di controllo del territorio e contrasto alle violazioni sulle norme per la tutela dell’ambiente, hanno individuato una discarica abusiva consistente in rifiuti solidi organici non pericolosi. Nella circostanza i militari operanti sono riusciti a risalire al responsabile dello scempio; si tratta di un 61enne del luogo, incensurato, al quale è stata contestata la prevista sanzione amministrativa pecuniaria di € 600 con contestuale intimazione alla immediata bonifica dell’area interessata.


TI POTREBBERO INTERESSARE

Blitz notturno nella notte tra venerdì e sabato al portico comunale di Palazzo Jacopo da Iseo da parte degli aderenti al movimento politico di destra Casapound, ad Anagni guidato da Valeriano Tasca. Diversi sacchi di rifiuti sono stati lasciati davanti ad una delle entrate del palazzo. Davanti ai sacchi, una scritta che recita testualmente: ""E' questa la discarica si?". "Un'azione che vuole esprimere il dissenso di molti cittadini vittime di un sistema di raccolta differenziata assurdo, costoso e senza senso". Sul posto sono intervenuti i Carabinieri della Compagnia di Anagni. NOn è detto che il clamoroso gesto degli attivisti di Casapound possa procurar loro una salata multa per abbandono di rifiuti, dovendo rispondere dell’illecito amministrativo di cui all’art. 255 d. lgs. 3 aprile 2006, n. 152.
anagnia.com ha intervistato il cap. Giovanni Camillo Meo, comandante della Compagnia dei Carabinieri della città dei Papi da cui dipendono le stazioni di Anagni, Morolo, Ferentino, Sgurgola, Piglio, Acuto e Paliano.
Avevano pensato bene di sbarazzarsi dei propri rifiuti domestici gettandoli a bordo strada, a pochi chilometri da casa, anziché attenersi al previsto regolamento comunale per il servizio di gestione dei rifiuti urbani. Ad incastrare due persone di nazionalità rumena e un italiano, tutti residenti in paese, sono state alcune fotografie scattate e pubblicate su Facebook, subito diventate virali, da Cristian, nostro lettore.
A seguito dei continui controlli nel territorio comunale da parte della polizia municipale sulle aree adibite in maniera inappropriata a discariche, venerdì 5 agosto, è stata individuata la persona che aveva abbandonato rifiuti in via Nome di Gesù. Dopo i necessari accertamenti, si è provveduto a contestare l’infrazione con apposito verbale e una multa di seicento euro. Per non incorrere in sanzioni, e soprattutto per evitare il proliferarsi di microdiscariche abusive, che deturpano il territorio e che possono anche essere pericolose per la salute perché fonte di inquinamento, invitiamo ad usufruire dell’'isola ecologica di via S. Francesco d’Assisi per tutti i rifiuti ingombranti e non differenziabili.
Servizi in tutela dell’ambiente predisposti dalla Compagnia dei Carabinieri di Anagni: in pochi giorni scoperte tre aree con rifiuti solidi/urbani, speciali e pericolosi. C'era anche una Smart priva di telaio