Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Ancora un riconoscimento per la cantina di Serrone: il Vinitaly 2017 premia il Vajoscuro di Giovanni Terenzi. Il sindaco Natale Nucheli: "lustro per il nostro paese"

6 aprile 2017

Torna Vinitaly e tornano i riconoscimenti in chiave serronese. Nella prima edizione della guida "5Star Wines the Book 2017" (la prima mai realizzata da una fiera internazionale del vino), il palmares delle migliori cantine aperto da Banfi di Montalcino, tra i 441 vini che hanno ottenuto un punteggio di almeno 90 compare anche il VAJOSCURO 2013, Cesanese del piglio docg riserva dell'Azienda Vitivinicola Giovanni Terenzi (uno dei soli due vini ciociari presenti).
“Non ci stancheremo mai – afferma il sindaco di Serrone, Natale Nucheli – di complimentarci con quei produttori, come ancora una volta Giovanni Terenzi, e l'azienda che conduce con i figli, che regalano vetrine così importanti al nostro paese. Il riconoscimento al Vinitaly, ancora una volta, è il giusto coronamento ad una politica di crescita e di sviluppo basata sulla qualità dei prodotti e sull'ammodernamento degli impianti”.


TI POTREBBERO INTERESSARE

Visita di fine corso alla Cantina Terenzi per i corsisti che hanno preso parte alla serie di lezioni del primo livello della scuola di Sommelier AIS di Roma; nei giorni scorsi a Serrone, la famiglia Terenzi ha ricevuto la gradita visita degli studenti e del presidente dell-importante azienda - produttrice, tra l'altro, di rinomati vini quali il Velabro e il Vajoscuro - per raccontare la Terra di Ciociaria e svolgere una lezione didattica sul vino Cesanese, con le sue peculiarità e la particolare vocazione del territorio e della famiglia Terenzi per questo vino. I ragazzi, dopo aver trascorso una giornata in azienda, sono andati via entusiasti di aver assistito alle lezioni in vigna tenute da Giovanni Terenzi, ma soprattutto di aver scoperto un territorio, quello in cui si produce il vino Cesanese, capace di offrire così tante meraviglie ed opportunità.
Gran medaglia D’oro all’azienda Giovanni Terenzi di Serrone; il sindaco Giancarlo Proietto: "un onore e un orgoglio per il nostro Comune e per il nostro territorio"
Interessante occasione per degustare e conoscere i migliori vini, grazie alla consulenza e alla guida di docenti qualificati: ad organizzare il primo corso di degustazione di vini "Come avvicinarsi al mondo del vino" ci ha pensato la famiglia Terenzi, titolare dell'omonima cantina fondata dal sig. Giovanni (foto in alto). In totale sono cinque le lezioni, con cadenza settimanale, che si terranno presso l'azienda della famiglia Terenzi in via Forese n. 13 a La Forma di Serrone. Il corso inizierà alle 21 del prossimo 19 febbraio. Per informazioni ci si può rivolgere a uno di questi numeri di telefono: 0775595466; 0775594286; 3385291350.
La storica azienda Giovanni Terenzi che ha sede a La Forma di Serrone e che da anni organizza degustazioni ed eventi per promuovere i prodotti enogastronomici locali ed il territorio, ha predisposto per domenica prossima 24 maggio l-evento è dedicato al Vajoscuro, vino Cesanese del Piglio Superiore Riserva che quest’anno ha ottenuto ben due prestigiosi riconoscimenti: la Gran Menzione al Vinitaly 2015 e la medaglia d’argento al Concorso Mondiale dei Vini di Bruxelles.
Il “Nero dello Scalambra - Cesanese di Affile Doc” (annata 2011), dell’azienda di Mario Terenzi, e il “Vajoscuro - Cesanese del Piglio Docg Superiore riserva” (annata 2011), delle Cantine Giovanni Terenzi, sono gli unici due vini cesanesi che hanno conquistata la Gran Menzione al concorso enologico internazionale di Vinitaly 2015.La competizione, la più selettiva, partecipata e longeva al mondo, si è svolta quest'anno eccezionalmente dopo Vinitaly, dal 12 al 16 aprile, come anteprima di Expo 2015 con oltre 3.000 campioni da oltre 30 Paesi (per la prima volta presenti Svezia, Giappone e Taiwan) che divisi in 16 categorie sono stati valutati, con un rigore unico tra i concorsi enologici, da 21 commissioni per un totale di 105 esperti provenienti da una quarantina di Paesi.