Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Ferentino. Domenica 4 dicembre la cerimonia per la collocazione della statua di Celestino V presso la chiesa di Sant'Antonio Abate

2 dicembre 2016

E’ in programma domenica prossima, 4 dicembre, la cerimonia ufficiale per la collocazione della statua di Papa Celestino V, a Ferentino.
La statua verrà posizionata nel luogo più consono per storia ad ospitarla: il largario della Chiesa di Sant’Antonio Abate, tra i primi eremi ad essere fondati dal monaco.

Un momento di festa per la comunità locale, da sempre legata alla figura del papa, il cui corpo, dopo la morte, fu custodito per 31 anni a Ferentino.
La cerimonia prevede la funzione religiosa officiata dal parroco Don Angelo Conti alle ore 11,30 e la successiva inaugurazione della statua. Saranno presenti le autorità civili, religiose e militari locali, oltre ai fedeli.
“Un momento di festa molto sentito per la nostra città – ha dichiarato il sindaco Antonio Pompeo – come avevamo comunicato, stavamo completando l’iter amministrativo necessario per la ricollocazione della statua di Papa Celestino V. Lo abbiamo fatto, abbiamo avviato e realizzato i lavori e domenica festeggeremo scoprendo la statua posizionata nel luogo che per storia e tradizione merita di ospitarla: la Chiesa di Sant’Antonio Abate”.
“Un ringraziamento a tutti coloro che hanno permesso di cogliere questo risultato – ha concluso il sindaco – e l’invito ai cittadini a partecipare numerosi alla cerimonia di domenica”.


TI POTREBBERO INTERESSARE

Davanti ad un cospicuo numero di cittadini il candidato alla carica di Sindaco di Ferentino Maurizio Berretta sviscera i punti salienti del programma elettorale. Accompagnato dal candidato di lista Gianni Bernardini, Berretta espone le sue idee per la città, analizzando punto per punto le problematiche riscontrate. I due consiglieri uscenti, focalizzano l'attenzione sulle esigenze del quartiere ripercorrendo la loro esperienza di amministratori. Tra le proposte analizzate, la possibilità di riportare l'opera più importante del quartiere, il palazzetto dello sport, sotto l'egida comunale.
La vicenda, ritenuta “indecorosa” dagli stessi firmatari e tornata alla ribalta da alcune settimane, relativa alla rimozione della Statua di San Pietro Celestino un tempo ospitata a piazza Duomo e oggi “abbandonata" in un deposito/discarica, torna oggi alla ribalta con la lettera inviata da tutti e quattro i consiglieri all’opposizione – Maurizio Berretta, Gianni Bernardini e Marco Valeri – al primo cittadino Antonio Pompeo.
Marco Maddalena, Maurizio Berretta e Gianni Bernardini – rispettivamente capogruppo di Sinistra Ecologia e Libertà, capogruppo Democraticamente e capogruppo Partito Socialista Italiano – hanno presentato una interrogazione al sindaco di Ferentino Antonio Pompeo e all’assessore all’Ambiente Franco Martini, per conoscere quali iniziative intendono assumere circa la situazione relativa alla gestione del depuratore di Le Mandre gestito da Acea Ato5.
Una diffida per chiedere al sindaco di Ferentino Antonio Pompeo e ai membri dell’attuale commissione elettorale, tutti facenti parte della coalizione di maggioranza, a non formulare atti di competenza della Commissione, in caso contrario, “eserciteremo il nostro diritto di tutela di fronte alle autorità governative e giudiziarie di competenza”. La perentoria richiesta è firmata ancora una volta dai quattro battaglieri consiglieri di minoranza Maurizio Berretta, Marco Valeri, Gianni Bernardini e Marco Maddalena. Scrivono i quattro: “preso atto, che all’interno della commissione elettorale non c’è la rappresentanza della minoranza stessa come prescritto dall’art. 13 del T.U. 20.03.1967, n. 223, che testualmente recita:
Da Maurizio Berretta, capogruppo consigliare di Democraticamente Ferentino, riceviamo la nota che segue e che pubblichiamo in forma integrale e senza modifiche: