Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Suor Maria Teresa Spinelli dichiarata Venerabile; la gioia dei fedeli della diocesi di Frosinone, Veroli e Ferentino dove ha avuto luogo il processo diocesano della religiosa

12 ottobre 2016

Il processo di canonizzazione di Sr. Maria Teresa Spinelli (1789 – 1850), fondatrice delle Suore Agostiniane Serve di Gesù e Maria, ha compiuto un nuovo passo verso la beatificazione. Il 10 ottobre, infatti, il Santo Padre Francesco ha ricevuto in udienza privata Sua Eminenza Reverendissima il Signor Cardinale Angelo Amato, S.D.B., Prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi. Nel corso dell’udienza il Santo Padre ha autorizzato la Congregazione a promulgare il decreto riguardante le virtù eroiche della Serva di Dio Maria Teresa Spinelli, che è diventata, quindi, Venerabile.
Questa notizia riguarda molto da vicino il nostro territorio perché è nella Diocesi di Frosinone – Veroli – Ferentino che si è svolto il processo diocesano di Sr. Maria Teresa. La Spinelli, infatti arrivò a Frosinone nel 1821 per aprire la prima scuola pubblica femminile del capoluogo ciociaro. Sempre a Frosinone fondò, il 23 settembre 1827, la Congregazione delle Suore Agostiniane Serve di Gesù a Maria ed, infine, qui morì il 22 gennaio 1850. I suoi resti mortali sono custoditi nella chiesetta delle Suore Agostiniane in Via Cavour, 37.
Prima di giungere a Frosinone da Roma, sua città natale, Sr. Maria Teresa Spinelli visse in due riprese a Ferentino. La prima volta dal 1807 al 1016, durante la dominazione napoleonica, come dipendente della famiglia Stampa, il cui palazzo di città (riedificato dopo i bombardamenti dell’ultima guerra) è attualmente la sede del Municipio di Ferentino. Una lapide, posta nel 2000 all’interno dell’edificio, ricorda la permanenza della Spinelli nel palazzo Stampa.
Il secondo soggiorno di Sr. Maria Teresa Spinelli a Ferentino avvenne nei mesi di maggio e giugno del 1821. In quel periodo la Venerabile si trovava presso le Monachelle di S. Chiara della Carità, per compiere una sorta di “tirocinio” in preparazione del successivo incarico di responsabile della scuola femminile di Frosinone. Tra le bambine che le vennero affidate dalle suore c’era anche la piccola Costanza Troiani che, diversi anni più tardi divenne suora e assunse il nome di Sr. Caterina e ri-fondò l’Istituto delle Monachelle come Francescane Missionarie del Cuore Immacolato di Maria. Nel 1985 Sr. Caterina Troiani è stata proclamata Beata da S. Giovanni Paolo II.
Sr. Maria Teresa Spinelli è stata dichiarata Venerabile, questo significa che è stata riconosciuta l’eroicità delle sue virtù. Il prossimo passo, che porterà la Spinelli all’onore degli altari, sarà la beatificazione. Per raggiungere questo traguardo è necessario che avvenga un miracolo, concesso da Dio per intercessione di Sr. Teresa. Moltissime sono già le grazie ottenute in ogni parte del mondo, grazie alla fama di santità che è andata sempre più aumentando nel corso degli anni. Sarebbe bello che anche  il miracolo per la sua beatificazione avvenisse in Ciociaria, a Frosinone, che è diventata la sua seconda patria, oppure a Ferentino, dove tanto si è prodigata per i poveri e dove già ha compiuto da viva due miracoli: la guarigione completa di un uomo cieco e perduto spiritualmente e la distribuzione prolungata di vino rosso ai poveri, durante un’epidemia” senza che la botte si svoltasse mai. Purtroppo i miracoli compiuti in vita non sono validi ai fini della beatificazione. Ma se “non c’è due senza tre” ci auguriamo di vedere ben presto riconosciuto proprio qui in Ciociaria il miracolo ad hoc per la beatificazione.


TI POTREBBERO INTERESSARE

Un’opera di carità nella diocesi di Anagni – Alatri che vuole essere la risposta concreta della Chiesa locale alle richieste di papa Francesco per il Giubileo. Si tratta della Piccola casa della misericordia, struttura residenziale di pronta accoglienza inaugurata domenica ad Anagni, nel centro storico della città. La casa è destinata a persone con problematiche psico–sociali ed ha una disponibilità che va da 12 ad un massimo di 19 posti letto.
Il sindaco Fausto Bassetta e tutta l’amministrazione comunale di Anagni esprimono compiacimento e gioia per la nomina di monsignor Domenico Pompili a nuovo vescovo della diocesi di Rieti.
Domenica prossima 25 novembre 2018 mons. Lorenzo Loppa - vescovo della Diocesi di Anagni-Alatri - presiederà la solenne celebrazione eucaristica delle ore 11.00 in occasione della solennità di Cristo Re dell’Universo nella chiesa di Santa Maria Assunta in Acuto; la celebrazione sarà trasmessa in diretta su Rai1 a partire dalle ore 10.55 nel corso della trasmissione della domenica "A sua immagine".
Sabato 5 settembre la Chiesa di Rieti accoglierà il suo nuovo Vescovo Mons. Domenico Pompili, sinora sottosegretario e portavoce della Conferenza Episcopale Italiana. Una nomina voluta direttamente da Papa Francesco così come quella di Mons. Nunzio Galantino chiamato alla segreteria generale della CEI stessa. Mons. Domenico Pompili - origini e famiglia di Acuto - è nato a Roma nel 1963. Ha trascorso la sua infanzia ad Acuto dove i suoi coetanei lo chiamano ancora affettuosamente "Popoff". A 14 anni ha lasciato la grande passione che aveva per il Calcio, preferendo la via della Fede ed entrando in seminario. Viene ordinato sacerdote nel 1988 nella Diocesi di Anagni-Alatri e, successivamente, segretario del suo Vescovo Luigi Belloli ma anche parroco in quel di Vallepietra e ad Alatri. Arriva in CEI nel 2005 diventandone il sottosegretario e direttore dell’Ufficio Comunicazioni Sociali. E’ anche docente di Teologia Morale presso l’istituto teologico Leoniano di Anagni, dove insegna dal 1990. Saltuariamente ha celebrato messa anche a Fiuggi nella Chiesa del Patrono San Biagio. E per questo che in molti della Confraternita di quest’antica chiesa saranno presenti sabato a Rieti per porgere il loro omaggio a questo illustre figlio della terra di Ciociaria.
Tecchiena. Una folla enorme e commossa ai funerali di Emanuele. Il ricordo commosso della mamma. Il vescovo della diocesi di Anagni-Alatri Lorenzo Loppa: “non dimentichiamolo e non abbandoniamo i nostri giovani”