Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Un impianto di trattamento dei rifiuti da 30mila tonnellate all'anno ad Anagni: nei giorni scorsi a Roma la conferenza dei servizi. L'associazione Civis unica ad intervenire nel provvedimento

12 settembre 2016

Nei giorni scorsi a Roma, presso l’Ufficio Valutazione Impatto Ambientale della Regione Lazio, si è tenuta la conferenza di servizi per il progetto della Tecnoriciclo Ambiente di Anagni per la realizzazione di un impianto di trattamento dei rifiuti della capacità di circa 30mia tonnellate all’anno.
Tale progetto prevede un impianto per la selezione e il trattamento di frazioni secche di varia tipologia in località Fonnaina, dalle parti della zona industriale della città dei Papi.

I responsabili del progetto circa un anno fa avevano inviato un’istanza al Comune di Anagni per verificare se ci fossero i presupposti per la realizzazione dell'impianto.
La conferenza di servizi ha chiesto alla società proponente integrazioni e deduzioni rispetto alla collocazione dello stabilimento in fascia di rispetto del fiume Sacco, e relativamente al fatto che il sito risulta inserito nel nuovo perimetro del SIN Bacino del fiume Sacco.
L’unica associazione intervenuta nel procedimento svolgendo osservazioni è stata l’associazione Civis; a questo link, in formato .pdf, sono disponibili le osservazioni e le memorie con le quali l’associazione legalmente rappresentata da Alessandro Ciuffarella, ha chiesto all’amministrazione regionale di emettere parere VIA negativo in relazione al procedimento in oggetto. Tra le motivazioni addotte da Civis, vi è il contrasto con il Piano Gestione Rifiuti del Lazio; il contrasto con le NTA del Piano Territoriale Provinciale Generale PTPG della Provincia di Frosinone; lo stato ecologico acque superficiali del Bacino del fiume Sacco.


TI POTREBBERO INTERESSARE

L’associazione Civis ha notificato il ricorso al TAR del Lazio contro l’iscrizione della Rodesco al Registro Provinciale delle attività di trattamento dei rifiuti per l’impianto di Ferentino. Sono stati chiamati in giudizio la Provincia di Frosinone, il Comune di Ferentino e l’impresa.
Venerdì 10 marzo alle ore 17.30 nella sede della Casa della Pace di piazza G. Mazzini a Ferentino si terrà un interessante dibattito sul tema Ambiente e Ecomafie; all'incontro interverranno la dott.ssa Daniela Paglia, membro del presidio ULTIMI, associazione per la legalità, e Alessandro Ciuffarella dell'associazione Civis. L'incontro sarà moderato dal prof. Fabio Magliocchetti.
L’associazione Civis ha presentato il ricorso al TAR del Lazio per impugnare l’iscrizione al registro provinciale delle imprese in procedura semplificata che permette alla società Rodesco Ambiente srl di esercitare un’attività di trattamento e gestione dei rifiuti in Ferentino. Il ricorso è stato notificato alla Provincia di Frosinone che ha emesso i provvedimenti ed atti autorizzativi ed a tutti gli altri controinteressati. "Ringraziamo i cittadini di Ferentino e le associazioni che hanno contribuito a costituire il fondo per il ricorso al TAR - spiegano in una nota i responsabili dell'associazione - nei prossimi giorni Civis avrà cura di rappresentare pubblicamente la sua gratitudine a tutti coloro che hanno sostenuto l’azione giudiziaria. E terremo memoria di chi, invece, ha tentato di strumentalizzare politicamente l’operato di Civis con insinuazioni che non vale la pena di commentare. Ancora una volta contano solo i fatti".
Il Comune di Ferentino sosterrà l’azione dell’associazione Civis e dei cittadini partecipando al giudizio avanti al TAR per l’impugnativa dell’autorizzazione all’impianto Rodesco; ad affermarlo - nel corso dell'assemblea che si è tenuta la scorsa settimana nei locali della Parrocchia di San Giuseppe e Sant’Ambrogio, in zona Stazione a Ferentino, è stato lo stesso sindaco e presidente della Provincia di Frosinone Antonio Pompeo che vi ha partecipato insieme alla consigliera comunale Stefania Timi e all'assessore Franco Martini.
SIN Valle del Sacco; l'associazione Civis di Ferentino: "un esito positivo dell’incontro al palazzo della Provincia, ma ora bisogna passare ai fatti"