Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Serrone. Si intrufolano all'interno di un'abitazione privata per fare incetta di ori e gioielli: due rumeni scoperti ed arrestati dai Carabinieri di Paliano

2 giugno 2016

Brillante operazione dei Carabinieri della stazione di Paliano agli ordini del mar. Damiano Belloni che stanotte, 2 giugno, hanno tratto in arresto due persone di nazionalità rumena sorpresea rubare all'interno di un'abitazione privata dalle parti di Serrone. SI tratta di due uomini, entrambi classe 1986, residenti in un campo nomadi della Capitale. I militari, impegnati in un servizio di controllo, accortisi della presenza dei due che camminavano con fare sospetto nei pressi di una abitazione sita in località La Forma, li hanno inseguiti e hanno atteso che si intrufolassero all'interno della casa dopo aver divelto gli infissi. Una volta che i due erano dentro, i Carabinieri sono intervenuti e li hanno arrestati. I proprietari dell'abitazione - fino a quel momento - non si erano accorti di nulla. Entrambi sono stati trasferiti nelle camere di sicurezza della caserma della Compagnia dei Carabinieri di Anagni in via G. Giminiani in attesa del processo per direttissima che si terrà domani - venerdì 3 giugno - al Tribunale di Frosinone. Numerosi sono stati gli arnesi atti allo scasso sequestrati ai due stranieri.


TI POTREBBERO INTERESSARE

Alle ore 17.30 di oggi pomeriggio, presso la sede del comando provinciale dei Carabinieri di Frosinone, si terrà una conferenza stampa durante la quale verranno illustrati i dettagli di un'operazione di polizia che ha portato all'arresto di due persone per una rapina avvenuta a Paliano.
Ladri di rame all-ex stabilimento VDC Technologies di Anagni; a cogliere con le mani nel sacco due giovani rumeni
Ricettazione, denunciata una 38enne di Paliano: a casa sua i Carabinieri trovano un telefono rubato a Serrone
Sono stati trasferiti nel carcere di Frosinone i sei rumeni arrestati nella notte tra martedì e mercoledì mentre erano intenti a rubare cavi di rame dall'ex stabilimento VDC Technologies in località Fratta Rotonda di Anagni. Il Giudice ha infatti convalidato l'arresto operato dai Carabinieri del Nucleo Radio Mobile della Compagnia di Anagni diretto dal mar. Giovanni Leo; il prezioso metallo, che al mercato nero avrebbe fruttato oltre dodicimila euro, è stato riconsegnato ai legittimi proprietari.
Sono stati trasferiti a Frosinone per essere giudicati con rito direttissimo i tre cittadini rumeni di età compresa tra i 25 e i 45 anni che nel pomeriggio di Pasquetta sono stati tratti in arresto dai Carabinieri della Compagnia della Città dei Papi poiché sorpresi a rubare metalli dallo stabilimento, ora dismesso, della VDC Technologies di Anagni. La refurtiva (20 quintali di materiale metallico) per un valore pari a circa 15000 euro, è stato interamente recuperata e restituita al legittimo proprietario, mentre i numerosi arnesi da scasso sono stati sequestrati.