Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Serrone. Giancarlo Proietto e Andrea Moscetta, consiglieri di opposizione, invitano i serronesi - e non solo - ad aderire alla raccolta di firme a sostegno della proposta di legge sulla legittima difesa e la tutela del domicilio

9 maggio 2016

I consiglieri di opposizione Giancarlo Proietto e Andrea Moscetta (foto in alto) invitano i serronesi - e non solo - ad aderire alla raccolta di firme a sostegno della proposta di legge sulla legittima difesa e la tutela del domicilio.
Fino alla metà di maggio, presso l’Ufficio Segreteria o Anagrafe del proprio Comune di residenza, è possibile firmare per un referendum di iniziativa popolare sulla legittima difesa della casa e dei beni.
"Ancora, dunque, una settimana per aderire alla raccolta di firme a sostegno della proposta di legge sulla legittima difesa e la tutela del domicilio", spiegano i due consiglieri. Nel ringraziare i cittandini che hanno già firmato, i due consiglieri invitano chi non l'ha fatto ancora a recarsi presso gli uffici del Comune di residenza muniti di documento d'identità in corso di validità.
Con questa proposta di legge popolare si vuole potenziare la tutela della persona che difende la propria casa, i propri beni ed i propri cari. Tra i punti più rilevanti rientra il raddoppio delle pene e la previsione di negazione del risarcimento danni al ladro per eventuali lesioni ad esso causate (o agli eredi in caso di decesso).
"Niente più risarcimento per chi viene sorpreso a rubare e viene malmenato dal proprietario o si ferisce scappando e, soprattutto, nessun reato di condanna per chi si difende in casa propria dall’intrusione di delinquenti", affermano Proietto e Moscetta. "Diciamo no a sceriffi e pistoleri per le strade, diciamo sì alla difesa legittima in casa e della casa", concludono i due esponenti della minoranza.


TI POTREBBERO INTERESSARE

Maggiore attenzione e controllo capillare del territorio: a chiederlo, tramite una nota inviata a questa redazione, i due consiglieri all'opposizione al comune di Serrone Andrea Moscetta e Giancarlo Proietto che, con l'approssimarsi delle festività natalizie tornano a sollecitare il sindaco Natale Nucheli e l'intera amministrazione a fornire risposte alla cittadinanza su temi che incidono in maniera importante sul bilancio del Comune - "e quindi sul bilancio delle famiglie di Serrone" - e potenzialmente sulla salute di tutti i cittadini.
A Serrone, di fronte a molti amici e simpatizzanti, i consiglieri di opposizione Andrea Moscetta e Giancarlo Proietto, hanno espresso l'opportunità di andare oltre il progetto civico-amministrativo che nel 2013 portò alla formazione della coalizione del Giglio. Infatti, evidenziando la necessità di avviare un cammino nuovo verso le amministrative del 2018, Andrea Moscetta e Giancarlo Proietto hanno ritenuto superate le motivazioni che avevano portato alla nascita della coalizione del Giglio. I due consiglieri hanno sottolineato che il nuovo progetto civico-amministrativo "vuole guardare avanti coinvolgendo le persone e le componenti della società civile di Serrone che non si riconoscono più nell'anonima amministrazione Nucheli e accogliendo tutte quelle persone ed idee che vogliono concorrere a rendere Serrone un'eccellenza vera sul panorama nazionale in grado di garantire ai propri concittadini, alle associazioni, alle istituzioni religiose, alle imprese e alle attività commerciali che operano sul territorio un futuro migliore fatto di crescita e di espansione attraverso la valorizzazione di tutte le risorse che l'intero territorio di Serrone offre".
Riceviamo e pubblichiamo la nota dei consiglieri di opposizione Andrea Moscetta e Giancarlo Proietto. “Il muretto della piazzitella di Serrone non è una semplice struttura verticale con funzione portante ma un oggetto che parla ed ha sentimento per via del suo valore storico (anche se non remoto), sociale ed inevitabilmente affettivo.
"Senza l’impegno delle associazioni, dei gruppi spontanei di cittadini, dei parroci e dei parrocchiani il Natale a Serrone si sarebbe vissuto esclusivamente all’interno delle singole abitazioni"; ad affermalo sono i due consiglieri comunali all'opposizione Andrea Moscetta e Giancarlo Proietto che - si legge in una nota - ritengono doveroso, a seguito di una analisi seria ed obiettiva, "ringraziare chi ha contribuito a far vivere l’essenza del Natale nel nostro paese, chi ha dato animo ad attività incantevoli rendendo corposo il programma natalizio sul quale il sindaco e i suoi collaboratori si sono limitati ad appore in calce la firma".
"Il problema è che a far acqua da tutte le parti non sono soltanto le condotte idriche, ma le azioni intraprese negli anni dall'amministrazione Nucheli per tutelare gli interessi dei cittadini". Ne sono convinti i due consiglieri all'opposizione Andrea Moscetta e Giancarlo Proietto che in una nota inviata a questa redazione rispondono alle critiche rivolte loro - sempre tramite questo quotidiano - dal primo cittadino di Serrone Natale Nucheli. "I fatti - spiegano Moscetta e Proietto - dimostrano che qualunquista e populista è stata la messa in scena andata in onda nel consiglio comunale del 12 febbraio e l'attacco a mezzo stampa contro i due consiglieri di opposizione fatto realizzare ed orchestrato dal sindaco Nucheli".