Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Carta dei diritti universali del Lavoro: sabato 7 maggio a Ferentino la raccolta delle firme per la legge di iniziativa popolare

5 maggio 2016

Prosegue anche a Ferentino, tra le bancarelle del mercato settimanale di via Paolo Borsellino, la raccolta delle firme per la proposta di legge di iniziativa popolare sulla Carta dei diritti universali, organizzata da CIGL, CISL e UIL. L'iniziativa si svolgerà sabato prossimo 7 maggio dalle ore 8.30 alle ore 13.00. Nel pomeriggio, inoltre, sarà possibile firmare nella sede SPI CIGL di via XX settembre. Insieme alla Carta sono proposti anche tre requisiti referendari su le norme che limitano le sanzioni e il reintegro in caso di licenziamento illegittimo, le norme che limitano la responsabilità solidale negli appalti, il lavoro accessorio. La campagna per la raccolta delle firme, che durerà sei mesi, era stata lanciata alcune settimane fa in concomitanza con i festeggiamenti per i 120 anni della confederazione.


TI POTREBBERO INTERESSARE

"Sicurezza: il cuore del Lavoro": a Isola del Liri CIGL, CISL e UIL celebrano la festa dei Lavoratori è stato il tema dell'evento organizzato da CIGL, CISL e UIL a Isola del Liri in occasione della festa dei Lavoratori. Il corteo, partito alle ore 9.00 da piazza Boncompagni, si è snodato lungo le vie cittadine per poi terminare con un comizio al quale è intervenuto Paolo Terrinoni, segretario generale CISL Lazio.
Quest’anno una della più importanti manifestazioni in occasione della festa dei Lavoratori si è tenuta ad Isola del Liri ed è stata organizzata dalle tre sigle sindacali CIGL, CISL e UIL. Il corteo ha attraversato le vie della città al grido di "più valore al lavoro. Contrattazione, occupazione, pensioni”, parole d’ordine, queste, scelte per celebrare il 1° maggio.
Più investimenti per rilanciare il territorio e per dare maggiori opportunità di crescita alla provincia di Frosinone; è stato questo il tema al centro dell'attivo unitario che si è tenuto nei giorni scorsi nel salone di rappresentanza del Palazzo della Provincia fra le tre sigle sindacali confederali, CIGL, CISL e UIL, rispettivamente rappresentate da Enrico Coppotelli, Anselmo Briganti e Gabriele Stamegna. Tra gli argomenti affrontati, quello della riforma delle pensioni e delle politiche giovanili da mettere in campo per il lavoro; non sono mancati poi cenni alle misure di welfare da adottare e a quelle da mettere in campo per rendere migliore la sanità ciociara, che in questi ultimi anni sta cadendo in un triste e lento declino. L'argomento principale che è stato trattato, comunque, è stato quello relativo alla necessità di creare una sorta di marketing territoriale in grado di promuovere ed incentivare gli investimenti in provincia di Frosinone. Per raggiungere questo obiettivo si dovrà necessariamente puntare sulla zona franca urbana per il sorano, area di crisi industriale, complessa e non complessa, la vendita della Vdc e lo stabilimento FCA, stando a quanto suggerito dai tre sindacalisti. Il resto del lavoro può farlo solo la politica.
Tutela Sindacale, servizi fiscali, vertenziali, previdenziali, ma anche consumatori ed inquilini con l’ammodernamento della storica sede nella zona S. Agata la CISL vuole dare vicinanza e servizi efficaci per i cittadini di Ferentino.
Battono i piedi le organizzazioni sindacali CISL FP, CIGL FP e UIL FPL che in una lettera inviata al commissario AUSL di Frosinone dott. Luigi Macchitella nei giorni scorsi chiedono il rispetto degli accordi presi nel corso di una riunione tenutasi a metà dicembre; nel corso di questo incontro, infatti, secondo quanto riferito dalle OO.SS. la direzione aziendale aveva assunto l'impegno a non trasferire il personale del centralino dell'ospedale di Anagni fino al prossimo marzo 2016. In realtà, però, l'amministrazione ha predisposto l'ordine di servizio di trasferimento già a far data dal primo gennaio 2016 dal centralino di Anagni ad Alatri. "Nel diffidare codesta amministrazione a perserverare in comportamenti in violazione degli impegni assunti con le OO.SS. - si legge nella lettera - chiediamo la revoca degli atti emessi e il mantenimento degli impegni assunti"