Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Ferentino. Adotta un monumento: i ragazzi della scuola media "Giorgi-Fracco" ripuliscono il testamento di Aulo Quintilio

21 marzo 2016

Attenzione al patrimonio storico e tutela dell’ambiente. Con questi due obiettivi, ampiamente centrati, continuano le giornate del volontariato a  Ferentino, in particolare attraverso il progetto “Adotta un Monumento”.
Gli studenti di alcune classi della scuola Media Giorgi-Fracco, accompagnati dai loro insegnanti, si sono recati nell’area che ospita il Testamento di Aulo Quintilio Prisco e nelle zone limitrofe per la rimozione di rovi e sterpaglie, nello spirito del progetto “La scuola adotta un monumento”: un progetto di educazione permanente al rispetto e alla tutela del patrimonio storico-artistico e più in generale dell'ambiente. I bambini, attraverso l’utilizzo degli attrezzi del mestiere, hanno provveduto a sistemare l’area e a dare nuovo splendore all’importante testimonianza storica presente in città.
Insieme ai ragazzi e agli studenti, presenti anche i rappresentanti dell’amministrazione comunale. “Con l’iniziativa “Adotta un Monumento” – ha spiegato il sindaco Antonio Pompeo – la nostra città conferma la sua vocazione sociale. Una vocazione che vede i nostri concittadini, di tutte le classi di età, mettersi a disposizione per la comunità, in particolare per il nostro patrimonio storico. Una bella esperienza soprattutto per i ragazzi che, attraverso al disponibilità dei dirigenti e degli insegnanti, possono sperimentare concretamente cosa significa essere parte di una collettività. L’auspicio è che tali iniziative si possano ripetere durante il corso dell’anno. Colgo l’occasione, infine, per ringraziare tutti i volontari che in questi giorni stanno partecipando alle attività”.


TI POTREBBERO INTERESSARE

La società partecipata Aulo Quintilio sotto la lente del gruppo politico "DemocraticaMente Ferentino"; il consigliere comunale Maurizio Berretta deposita una interrogazione a risposta scritta ed urgente
A firma dei Consiglieri comunali Marco Maddalena, Maurizio Berretta, Gianni Bernardini e Marco Valeri è stata presentata una richiesta di consiglio comunale straordinario ed urgente con un ordine del giorno per mettere fine alla “Gestione fallimentare della società partecipata AULO Quintilio” e per ridare la funzione pubblica all’ edificio Paolini, come è stato nel passato, "visto che l’ amministrazione comunale con il suo comportamento arrogante non permette i passaggi formali necessari in consiglio comunale relativi alla società partecipata". Si legge nella nota inviata a questa redazione dai quattro consiglieri:
Di seguito pubblichiamo una nota stampa inviata a questa redazione da Manuel D'Onofri, segretario di Sinistra Italina Ferentino: STU Aulo Quintilio di Ferentino: se ne discute giovedì 30 novembre alle ore 18:00 presso la sala "Casa della Pace" della biblioteca di Ferentino grazie ad una iniziativa organizzata da Sinistra Italiana
I consiglieri comunali di Ferentino Maurizio Berretta, Marco Maddalena, Gianni Bernardini e Marco Valeri hanno scritto in questi giorni una lettera al Commissario Liquidatore della Banca Etruria, prof. avv. Giuseppe Santoni con la richiesta “di effettuare le relative verifiche ed iniziative”. Infatti, secondo quanto riferiscono i quattro battaglieri consiglieri, la vicenda della Banca Etruria si intreccia con la STU di Ferentino poiché il socio privato della Aulo Quintilio spa –società partecipata del Comune di Ferentino - ovvero la Casamari Engineering srl, è controllata da altra società, la Iride srl, che ne possiede il 70% delle quote.
Un’ interrogazione urgente al Sindaco è stata presentata da Marco Maddalena Capogruppo Consiliare di Sinistra Ecologia e Libertà di Ferentino per sapere la situazione di “ben sette anni di nulla” della società partecipata “STU Aulo Quintilio”. “E’ evidente il fallimento dell’oggetto sociale della società partecipata – spiega Maddalena - infatti, non è mai stata avviata la ristrutturazione dell’ex edificio “Paolini” e il degrado della zona ne è testimone.Dal 2008, anno in cui il Comune decide di formalizzare la nascita della STU Aulo Quintilio, troppi dubbi e zone di ombra sono emerse nel progetto e nel frattempo si è persa un presidio scolastico pubblico nel comune.