Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Operazione "Safety Christmas": Sequestrati 5.800 prodotti pericolosi per la salute: è il bilancio dell’operazione condotta dai militari della Tenenza della Guardia di Finanza di Fiuggi

22 dicembre 2015

Sequestrati 5.800 prodotti pericolosi per la salute: è il bilancio dell’operazione condotta dai militari della Tenenza della Guardia di Finanza di Fiuggi, nel comparto della legalità e della sicurezza dei consumatori. Il monitoraggio delle attività economiche presenti nella circoscrizione della Tenenza di Fiuggi, infatti, ha consentito di individuare un esercizio commerciale, ubicato in Alatri, che esponeva prodotti natalizi, di provenienza cinese, privi dei requisiti necessari per la commercializzazione degli stessi e, dunque, potenzialmente nocivi per la salute. I controlli eseguiti all’interno dell’esercizio commerciale hanno consentito di rinvenire migliaia di prodotti privi di qualsiasi etichetta che indicasse la loro provenienza, i canali di importazione e l’ indicazione della loro composizione. Al termine dell’operazione di servizio sono stati sequestrati complessivamente oltre 5.800 prodotti costituiti, prevalentemente, da articoli e addobbi natalizi. Il responsabile dell’attività economica, di nazionalità cinese, è stato segnalato alla Camera di Commercio Industria ed Artigianato di Frosinone e, per questo motivo, dovrà pagare una cospicua sanzione amministrativa.


TI POTREBBERO INTERESSARE

Alatri. I militari della Guardia di Finanza di Fiuggi sequestrano 50mila prodotti non sicuri
Sequestrati oltre 570 prodotti pericolosi per la salute, è il bilancio dell’operazione condotta dai militari della Tenenza della Guardia di Finanza di Fiuggi che si inserisce nel più ampio contesto di interventi a tutela della legalità e della sicurezza dei consumatori. Il monitoraggio delle attività economiche, presenti in provincia di Frosinone, ha consentito di individuare un esercizio commerciale, ubicato in Alatri, che esponeva prodotti, di provenienza cinese, potenzialmente nocivi per la salute. I controlli eseguiti all’interno dell’esercizio commerciale hanno consentito di rinvenire centinaia di prodotti privi di qualsiasi etichetta che indicasse la loro provenienza, i canali di importazione e l’ indicazione della loro composizione. Al termine dell’operazione di servizio sono stati sequestrati complessivamente oltre 570 prodotti privi dei requisiti di sicurezza, costituiti, prevalentemente, da articoli di bigiotteria ed accessori per l’estetica. Il responsabile dell’attività economica, di nazionalità italiana, è stato segnalato alla Camera di Commercio Industria ed Artigianato di Frosinone per aver immesso sul mercato prodotti pericolosi per la salute dei consumatori e, per questo motivo, dovrà pagare una cospicua sanzione amministrativa.
Con l’avvento delle festività natalizie, il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Frosinone ha intensificato i controlli a tutela del mercato dei beni e servizi con particolare riferimento all’immissione in vendita di prodotti non sicuri e/o privi della corretta indicazione sull’origine delle merci. Il costante monitoraggio eseguito dai militari della Guardia di Finanza di Fiuggi e volto alla tutela della legalità e sicurezza dei consumatori,
La Tenenza della Guardia di Finanza di Sora, nel corso di un controllo a tutela della legalità nel commercio su aree pubbliche, ha individuato un venditore ambulante che, nel Comune di Sora, vendeva prodotti ortofrutticoli a vari clienti in assenza della necessaria autorizzazione amministrativa.
Una ditta di Fiuggi, dedita al commercio di articoli per l’illuminazione, dopo aver richiesto e ottenuto un finanziamento pubblico per centomila euro, cessa l’attività anticipatamente. I fatti sono stati accertati dai militari della Tenenza di Fiuggi, che nell’ambito dei controlli sulla regolare percezione delle incentivazioni a favore delle piccole imprese, gestiti dall’Agenzia Nazionale per la Attrazione degli Investimenti e lo Sviluppo, hanno scoperto l’illecito perpetrato dall’impresa fiuggina.