Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Operazione della Polizia di Stato: armi e munizioni ritrovate dagli agenti in un casolare abbandonato di Ferentino

23 settembre 2015

Nel tardo pomeriggio di martedì 22 settembre un’operazione di polizia giudiziaria è stata predisposta dalla Squadra Mobile di Frosinone col fine di monitorare luoghi abitualmente frequentati da pregiudicati dediti ad attività delinquenziali.
Nel corso dei controlli di Polizia, nelle vicinanze di un casolare abbandonato sito nel comune di Ferentino, una pattuglia della Squadra Mobile ha notato due uomini che vi si aggiravano con fare sospetto.

Nel momento in cui i poliziotti si sono avvicinati per identificarli i due si sono dati alla fuga facendo perdere le proprie tracce nel vicino bosco, complice la scarsa luce dell’imbrunire. Gli operatori di polizia hanno deciso a quel punto di controllare l’interno della casa diroccata. Una perquisizione approfondita ha consentito di rinvenire, ben occultati, una pistola marca Beretta, con matricola abrasa, un silenziatore e munizionamento vario di diverso calibro. Indagini sono in corso per individuare i responsabili dell’occultamento, con particolare riguardo a pregiudicati locali dediti, in special modo, al compimento di furti e rapine in abitazioni.


TI POTREBBERO INTERESSARE

La dott.ssa Cristina Rapetti da oggi nuovo Capo di Gabinetto della Questura di Frosinone

A prendere il suo posto al Commissariato di P.S. di Cassino il Commissario Capo Dr. Nicola Donadio
Cambio ai vertici della Questura di Frosinone e del Commissariato di Cassino. Da oggi, insediamento ufficiale del nuovo Capo di Gabinetto della Questura di Frosinone, Vice Questore Aggiunto della Polizia di Stato D.ssa Cristina Rapetti. Un prestigioso incarico assegnato al funzionario di Polizia quale riconoscimento anche della grande professionalità ed equilibrio con cui ha diretto, da ottobre del 2014, il Commissariato di Cassino.
Frosinone. I ladri gli entrano in casa e, tra le altre cose, gli rubano anche la pistola: denunciato per omessa custodia di armi dalla Polizia giunta per effettuare il sopralluogo
Nella mattinata di oggi – giovedì 17 settembre - il Questore di Frosinone Filippo Santarelli ha ricevuto gli Assistenti Capo della Polizia di Stato Vincenzo Lapomarda, anagnino, e Walter D’Arpino, entrambi in servizio presso il Commissariato di Polizia di Stato di Fiuggi. Il dott. Santarelli ha voluto esprimere tutta la sua soddisfazione nei confronti dei due agenti, distintisi per prontezza d’azione e professionalità, in occasione del salvataggio di un uomo di trentanove anni, domiciliato nella città termale, che, tre giorni fa, aveva tentato di togliersi la vita. Nella circostanza, determinante è stato anche il lavoro svolto oltre che dall’Arma dei Carabinieri nonché l’attività di coordinamento operata dalla Sala Operativa della Questura di Frosinone, motivo per cui stamane, oltre che con gli agenti, il Questore ha voluto congratularsi anche con il dott. Di Franco. Dopo aver udito direttamente dalla voce degli agenti le modalità con le quali è stata condotta l’azione di salvataggio e la rituale stretta di mano, il dott. Santarelli si è impegnato affinché i due poliziotti possano vedersi attribuito il giusto riconoscimento premiale per la professionalità messa in campo nella circostanza.
Fermato e denunciato perché privo del permesso di soggiorno e per violazioni al CdS, chiama amico per farsi portare il passaporto ma questi arriva senza casco a bordo di un altro ciclomotore rubato: denunciato anche lui. E' quanto accaduto mercoledì mattina a Frosinone; a procedere ai controlli sono stati gli agenti della Polizia di Stato della questura di Frosinone. Nel corso di alcuni servizi disposti dal questore Santarelli, gli agenti hanno fermato un ciclomotore e hanno proceduto al controllo degli occupanti: si trattava di due cittadini albanesi che non avevano con loro il permesso di soggiorno.
Una lite tra due fratelli scoppiata per futili motivo. E salita rapidamente di tono. Tanto che uno dei due ha minacciato l’altro con una pistola, regolarmente denunciata. Immediato l’intervento dei carabinieri.