Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Ferentino. Si avvicina troppo ai cuccioli, 60 enne ucciso da un cinghiale

10 settembre 2015

Si è avvicinato troppo ad un cucciolo di cinghiale, scatenando la reazione della mamma, che lo ha attaccato ed ucciso. Sarebbe questa, anche se i Carabinieri stanno ancora controllando, la dinamica dell’incidente che stamattina, 10 settembre, poco dopo le 11, a Ferentino, ha provocato la morte di un signore di circa 60 anni. A trovarlo in una pozza di sangue sono stati alcuni passanti. Secondo le Forze dell’Ordine, l’uomo non era andato a caccia, ma era un appassionato di animali. E stava appunto osservando una famigliola di cinghiali. Probabilmente la curiosità è stata troppo forte e lo ha spinto ad avvicinarsi in modo imprudente. Scatenando la reazione fatale della mamma cinghiale. Il tragico fatto è avvenuto in via Pareti Cornella, in una zona di campagna nei pressi del cimitero di Ferentino.

Ferentino. L'esame autoptico smentisce le prime ricostruzioni delle Forze dell'Ordine: a uccidere Luciano Bondatti, 66enne, è stato un colpo di fucile


TI POTREBBERO INTERESSARE

Un cinghiale è stato ucciso questa mattina, venerdì 7 agosto, poco dopo le 11, lungo la via Anticolana, nel territorio di Anagni, in seguito all’impatto con un’auto.
Non è stato un cinghiale, come sembrava essere emerso dalle prime ricostruzioni diffuse anche dalle Forze dell’Ordine, ma un colpo di fucile da caccia a togliere la vita a Luciano Bondatti, il 66 enne di Ferentino trovato cadavere stamattina a Ferentino nei pressi del cimitero comunale, in località Pareti Cornella. All’obitorio dell’ospedale di Frosinone infatti l’esame autoptico ha rivelato la presenza di un pallettone da caccia all’altezza della gamba, che avrebbe tranciato l’arteria femorale. L’uomo sarebbe dunque morto non per le ferite conseguenti all’assalto di un cinghiale, come era apparso, ma per il dissanguamento dovuto all’emorragia. Nelle prossime ore dovrebbe essere più chiara la dinamica. Il quadro che emerge al momento è quello di un probabile incidente di caccia. L’uomo potrebbe infatti essere stato colpito da un pallettone sparato da un cacciatore di frodo. Che avrebbe deciso di dare la caccia ai cinghiali anche se, nella zona, l’apertura della caccia al cinghiale è prevista ad inizio ottobre.
Spara ad un cinghiale, gli si avvicina per raccoglierlo credendo di averlo ucciso, ma questi si rialza e lo morde al gluteo provocandogli una profonda ferita; è quanto accaduto ieri mattina, verso le 9.30, in quel di Piglio, in località San Biagio, a poca distanza dal luogo in cui alcuni anni - sono venne collocata la statua in onore di Giovanni Paolo II.
Un giovane di 18 anni di Ferentino, Lido de Santis, é morto ieri sera poco dopo le 22.30 in un grave incidente stradale verificatosi Ferentino in località Cartiera. Il giovane, per cause ancora da definire, si è scontrato con un' auto, rimanendo esanime sulla strada. A nulla sono valsi i tentativi di salvarlo; il giovane é morto sul colpo.
Un 35enne residente a Ferentino è stato trovato morto, verso mezzogiorno di oggi, nelle campagne tra Anagni e Ferentino; a rinvenire il cadavere del giovane sono stati i Carabinieri della Compagnia di Anagni che avevano avviato le ricerche dopo l-uomo da cui si evinceva la sua volontà di farla finita. Le cause, dunque, potrebbero essere riconducibili a questione sentimentali. Sul posto, avvertiti dai Carabinieri, anche il personale del 118 e i Vigili del Fuoco di Frosinone. AGGIORNAMENTO DELLE 13.58: i carabinieri ritengono praticamente certa la pista del suicidio riguardo alla morte del 35enne