Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Serrone. Gli studenti del corso di Sommelier organizzato da AIS in visita all'azienda vinicola di Giovanni Terenzi

7 giugno 2015

Visita di fine corso alla Cantina Terenzi per i corsisti che hanno preso parte alla serie di lezioni del primo livello della scuola di Sommelier AIS di Roma; nei giorni scorsi a Serrone, la famiglia Terenzi ha ricevuto la gradita visita degli studenti e del presidente dell'Asoociazione Italiana Sommelier Lazio Angelica Mosetti che ha selezionato l'importante azienda - produttrice, tra l'altro, di rinomati vini quali il Velobra e il Vajoscuro - per raccontare la Terra di Ciociaria e svolgere una lezione didattica sul vino Cesanese, con le sue peculiarità e la particolare vocazione del territorio e della famiglia Terenzi per questo vino. I ragazzi, dopo aver trascorso una giornata in azienda, sono andati via entusiasti di aver assistito alle lezioni in vigna tenute da Giovanni Terenzi, ma soprattutto di aver scoperto un territorio, quello in cui si produce il vino Cesanese, capace di offrire così tante meraviglie ed opportunità.


Gli studenti del corso di Sommelier dell'AIS visitano l'azienda di Giovanni Terenzi a Serrone, 6 giugno 2015

Vai alla Photogallery

TI POTREBBERO INTERESSARE

Gran medaglia D’oro all’azienda Giovanni Terenzi di Serrone; il sindaco Giancarlo Proietto: "un onore e un orgoglio per il nostro Comune e per il nostro territorio"
Nuovo importante riconoscimento per l'azienda Giovanni Terenzi di Serrone, sempre più modello di riferimento di indiscusso valore nella zona di produzione del vino Cesanese: l'Associazione Italiana Sommelier, nella sua prestigiosa guida dei vini 2016, ha attribuito al Cesanese del Piglio Superiore Riserva "Vajoscuro", annata 2012 (foto a sinistra), prodotto proprio dall'azienda Giovanni Terenzi, la massima valutazione, vale a dire quattro viti. Grazie a tale ambito riconoscimento, all'area del Cesanese viene nuovamente la possibilità di inquadrarsi ancor più nel panorama vitivinicolo nazionale, rendendo di fatto questo vino sinonimo di prodotto non replicabile ed espressione di un territorio univoco. Nella guida AIS è, infatti, recensito il profilo di ognuna delle bottiglie che saranno protagoniste del mercato nei prossimi mesi, tracciato dalle analisi sensoriali dei migliori sommelier del panorama nazionale mobilitando le proprie indiscutibili competenze interne, sviluppate in quasi 50 anni di attività (l'associazione è stata fondata nel 1965) attraverso un lavoro di coordinamento complesso e di grandissimo valore.
Torna Vinitaly e tornano i riconoscimenti in chiave serronese. Nella prima edizione della guida "5Star Wines the Book 2017" (la prima mai realizzata da una fiera internazionale del vino), il palmares delle migliori cantine aperto da Banfi di Montalcino, tra i 441 vini che hanno ottenuto un punteggio di almeno 90 compare anche il VAJOSCURO 2013, Cesanese del piglio docg riserva dell'Azienda Vitivinicola Giovanni Terenzi (uno dei soli due vini ciociari presenti).
La storica azienda Giovanni Terenzi che ha sede a La Forma di Serrone e che da anni organizza degustazioni ed eventi per promuovere i prodotti enogastronomici locali ed il territorio, ha predisposto per domenica prossima 24 maggio l-evento è dedicato al Vajoscuro, vino Cesanese del Piglio Superiore Riserva che quest’anno ha ottenuto ben due prestigiosi riconoscimenti: la Gran Menzione al Vinitaly 2015 e la medaglia d’argento al Concorso Mondiale dei Vini di Bruxelles.
LA FORMA di SERRONE. Un vero e proprio viaggio sensoriale tra i colori dei vigneti e il profumo del vino di qualità; alla scoperta dei segreti della vinificazione e dell’affinamento attraverso visite guidate tra i luoghi più panoramici di coltivazione della vite, degustazioni di vini e di altre specialità in ambienti unici e accoglienza in strutture di charme: questo il contesto in cui la famiglia Terenzi, proprietaria della omonima storica cantina, ha accolto - domenica pomeriggio - i tanti visitatori che hanno aderito all-evento dedicato al Vajoscuro, il vino Cesanese del Piglio Superiore Riserva che quest’anno ha ottenuto ben due prestigiosi riconoscimenti: la Gran Menzione al Vinitaly 2015 e la medaglia d’argento al Concorso Mondiale dei Vini di Bruxelles.