Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Contro chi brucia il mondo, l'associazione Terradolce organizza una piantumazione colletiva ad Anagni; l'appuntamento è per il prossimo sette settembre davanti a porta Cerere

5 settembre 2019

Amazzonia, ma non solo. Negli ultimi mesi, numerosi incendi hanno coinvolto e sconvolto differenti parti del mondo. Emblematico il caso della Siberia e dell'Amazzonia. Tuttavia, secondo il Servizio di monitoraggio atmosferico Copernicus, da inizio giugno sono oltre cento gli incendi verificatisi lungo le coste artiche, in Russia, Alaska, Canada e Groenlandia. L'associazione Terradolce di Anagni non intende rimanere indifferente davanti allo spettacolo angosciante del mondo che brucia, consapevoli che ogni albero che brucia mette a rischio il futuro di questo Pianeta e delle future generazioni. E' per questo che ha aderito alla campagna planetaria, ideata dal regista cileno naturalizzato francese Alejandro Jodorowsky "Piantiamo un albero"; il cineasta di El Topo, La montagna sacra e Santa Sangre (per citare alcuni dei suoi film più noti) ha lanciato la sua proposta per ripopolare il mondo di alberi: «Per equilibrare la tragedia amazzonica propongo un atto mondiale psicomagico. Che il sette settembre (il 7 è il numero più attivo e settembre porta il "se" della semina), ogni essere umano pianti un albero, o semini un albero, in qualsiasi località gli sia possibile».
"L'evento - spiegano dall'associazione Terradolce - avrà carattere informativo, coscentizzante e di riequilibrio rispetto al preoccupante fenomeno degli incendi che si susseguono purtroppo a livello mondiale e alle relative conseguenze sull'ecosistema. La formula da noi scelta è quella del dono ai cittadini: l'eccedenza degli alberelli (arborei ed arbustivi) sarà ripartita tra associazioni sensibili. siamo grati all'ente parco dei monti Aurunci che ci ha fornito le piantine necessarie alla manifestazione".
All'evento di Anagni partecipano anche le associazioni culturali "Tra cielo e terra", "Casa della Pace", "Allegrobarbaro", "Amita, luce infinita" e il centro di accoglienza straordinario "Synergasia" di Fiuggi.


TI POTREBBERO INTERESSARE

Continua l’attenzione del Comune di Ferentino al patrimonio ambientale del territorio. Sono in corso completamento in questi giorni, infatti, gli interventi di messa a dimora di nuovi alberi in via Alfonso Bartoli. Dopo l’abbattimento delle piante che precedentemente insistevano nell’area e che per tipologia - conifere di grandi dimensioni - e per posizionamento - troppo ravvicinato – creavano problemi, l’Amministrazione comunale, supportata dal lavoro di tecnici agronomi, ha individuato la soluzione più ottimale per garantire il verde pubblico e la messa in sicurezza della zona.
L’Amministrazione comunale di Serrone, allo scopo di sensibilizzare la cittadinanza sulle tematiche riguardanti la difesa e la salvaguardia dell’ambiente, intende promuovere la partecipazione attiva dei cittadini alla tutela, al miglioramento e all’incremento del verde pubblico, riservandosi la facoltà di concedere in adozione spazi verdi pubblici, di limitata estensione e fioriere, ubicati nel territorio comunale.
Guaine di cavi in rame, pneumatici e altri rifiuti abbandonati tra gli alberi. Ma non solo: carne andata a male, plastica, elettrodomestici dismessi; le foto che denunciano l’utilizzo di un’area verde come discarica abusiva sono state scattate nell'area verde de La Macchia, a pochi chilometri dal centro cittadino, da Martina, nostra giovane lettrice. Che ha immortalato, tra l'altro, lo scontrino di un supermercato Conad su cui è riportato il numero della tessera fedeltà del proprietario.
L’amministrazione Ottaviani, con il coordinamento dell’assessore all’ambiente, Massimiliano Tagliaferri, ha attivato il piano operativo per la manutenzione arborea e di potatura del verde, all’interno dei quartieri e delle principali strade cittadine. Le imprese incaricate dall’ente municipale hanno attivato la riduzione e il disegno geometrico delle chiome degli alberi in piazza martiri di Valle Rotonda, ove sorge l’ingresso del Parco Matusa, in una zona, quindi, di passaggio e di sosta da parte dei numerosissimi frequentatori del polmone verde cittadino. Le operazioni, che riguarderanno anche il centro storico, contribuiranno sicuramente alla definizione di un più moderno ed adeguato assetto del verde urbano, sia sotto il punto di vista del decoro, che della valorizzazione del contesto ambientale. L'obiettivo dell'amministrazione è dimostrare come sia possibile la cura dell'arredo urbano e delle aree verdi, seguendo una pianificazione organizzata, pur con l'attenzione costante nell'utilizzo delle risorse pubbliche, ampliando, inoltre, le aree destinate al recupero ambientale.
A Pian della faggeta, immerso nell’oasi naturale dei Monti Lepini sopra Carpineto Romano, inaugura domani il “Ristoro le Faggeta”, un modo diverso di vivere la natura e di riposare nel verde e all’ombra dei secolari alberi.