Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Prima festa dei Popoli della Diocesi di Anagni-Alatri; l'appuntamento è per domenica 9 giugno presso i locali del palazzo comunale di Anagni e negli spazi esterni

3 giugno 2019

Una festa per scoprire il mondo che abita intorno a noi, viaggiando attraverso musiche, colori, storie di vita e parole di paesi lontani, sperimentando la ricchezza dello stare insieme e valorizzando la diversità.
Domenica 9 giugno 2019 si terrà, presso i locali del Comune di Anagni e gli spazi esterni al Palazzo comunale, la prima Festa dei Popoli organizzata dall’Ufficio Migranti della Diocesi di Anagni-Alatri.
Obiettivo dell’iniziativa è celebrare la ricchezza di culture che abitano il nostro territorio, favorire la conoscenza reciproca e lo scambio di esperienze.
Questa festa si propone come occasione di riconoscimento dell’alterità, da intendersi non come problema ma come risorsa da scoprire e valorizzare. L’iniziativa darà voce alle tante comunità e persone impegnate nei processi di costruzione di società solidali, dinamiche e rispettose dell’altro.
La manifestazione avrà inizio alle ore 16.00 presso la Sala della Ragione, con i saluti del Vescovo Mons. Lorenzo Loppa e della responsabile dell’Ufficio Migranti Dott.ssa Sabrina Atturo, la quale presenterà brevemente l’Ufficio e le sue attività.
A seguire, si alterneranno le testimonianza di coloro che vivono o hanno vissuto, in maniera diretta o indiretta, l’esperienza della migrazione, dell’incontro con l’altro e dell’interculturalità. Parallelamente al convegno, presso la Sala delle Trifore, si svolgerà un’attività di animazione per bambini, con laboratorio creativo e lettura di storie dal mondo.
Al termine del convegno, organizzato in maniera interattiva, vi sarà una preghiera interreligiosa di ringraziamento.
La festa continuerà poi negli spazi esterni del Comune, sotto il portico e nella antistante piazza Giovanni Paolo II. Qui vi sarà l’esposizione di prodotti tipici dal mondo, laboratori creativi e musica dal vivo.
L’iniziativa, patrocinata del Comune di Anagni, è pensata e realizzata dall’Ufficio Migranti, istituito dal Vescovo Lorenzo Loppa lo scorso 30 giugno 2018. Compito dell’Ufficio è affiancare le varie comunità presenti sul territorio nel vivere occasioni di incontro, accompagnandole verso un processo di autentica promozione umana, di accoglienza reciproca, di reale e rispettosa integrazione. L’Ufficio può contare sulla collaborazione e sinergia con altre realtà ed iniziative di carattere diocesano, tra cui Caritas, progetto Policoro, Pastorale Sociale e Osservatorio territoriale diocesano.

nota stampa a cura dell'ufficio Migranti della diocesi di Anagni-Alatri; contatti a migrantes@diocesianagnialatri.it


TI POTREBBERO INTERESSARE

Festa dei Popoli ad Anagni: ecco il programma dettagliato dell'evento organizzato dall'ufficio Migranti della diocesi di Anagni-Alatri
Solidarietà e migranti: imprenditore anagnino offre casa e lavoro ad una famiglia di stranieri trasferiti dopo la chiusura del CARA di Castelnuovo di Porto
Celebrata domenica scorsa la giornata internazionale dei migranti. Cosa ci differenzia, però, da loro? Ogni tanto dovremmo vedere alcune cause e conseguenze storiche e potremmo scoprire tante analogie!
“Le nostre Chiese diocesane si stanno impegnando, non senza fatica, a mettere a disposizione strutture ecclesiastiche per l’accoglienza dei migranti, a garantire accompagnamento sia alle persone che ci vengono direttamente affidate dalle Autorità pubbliche, sia a coloro che comunque bussano alla nostra porta. Registriamo nelle ultime settimane ripetute insofferenze, che spesso giungono alle cronache, verso la presenza dei migranti.
Si è svolta ieri 27 Gennaio la marcia della Pace 2018 organizzata dall’azione Cattolica della diocesi di Anagni-Alatri; il tema di quest’anno è Migrati e Rifugiati-Uomini e Donne in cerca di pace. La marcia è partita alle ore 15.30 da Porta Cerere ad Anagni, la prima sosta è stata in Piazza Cavour: qui si sono formati dei gruppi di persone e in ogni gruppo c’era un ragazzo richiedente asilo che ha raccontato la sua storia per far capire alle varie famiglie che non devono aver paura quando incontrano ragazzi come lui.