Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

La battaglia di Montecassino alla Sala Capitolare del Senato: il convegno promosso dalla Fondazione Giuseppe Levi Pelloni in occasione del 75esimo anniversario del bombardamento che distrusse la città e l'antica abbazia

15 maggio 2019

Lunedì 20 maggio, alle ore 17 presso la Sala Capitolare del Senato della Repubblica in Roma (Piazza della Minerva, 38) avrà luogo il convegno “La battaglia di Montecassino. 75 anni di pace nella terra di San Benedetto” promosso dalla Fondazione Giuseppe Levi Pelloni in occasione del 75esimo anniversario del bombardamento che distrusse la città di Cassino e l'antica Abbazia benedettina.
Partecipano all'incontro di studio, ospitato dal Presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati, gli storici Pino Pelloni, Livio Cavallaro, Antimo Della Valle, l'archivista dell'Abbazia di Montecassino Dom Mariano Dell'Omo, l'onorevole Federico Mollicone, membro della Commissione Cultura della Camera dei Deputati e Roberto Molle, presidente dell'Associazione Battaglia di Cassino.
Tra le 9,28 e le ore 13.00 del 15 febbraio 1944, 239 bombardieri angloamericani, decollati dagli aereoporti di Foggia e Napoli, sganciarono 453 tonnellate e mezza di bombe sull’Abbazia, radendo al suolo l’antico monastero fondato da San Benedetto da Norcia nell'anno 529.
In un millennio e mezzo l’Abbazia di Montecassino è stata distrutta ben quattro volte, tre per mano degli uomini ed una per cause naturali. La prima distruzione avvenne tra gli anni 577 e 589 ad opera dei Longobardi; la seconda distruzione nell’883 ad opera dei Saraceni; la terza distruzione nel 1349 a causa di un terremoto. La quarta tra il 15 e il 18 febbraio del 1944 che in tre ore la ridusse ad un ammasso di rovine.
Il monastero, poi, fu preso il 18 maggio dai soldati polacchi, dopo molti mesi di violento conflitto e una perdita immensa di vite umane. “Si è trattato di un vero e proprio crimine di guerra – sottolinea Pino Pelloni - e una tragedia per la popolazione civile costretta ad un esodo pieno di sofferenze. Nel bombardamento persero la vita molti civili che proprio nel luogo di culto avevano cercato riparo sperando che fosse un luogo sicuro. L'abate Diamare ed i monaci sopravvissuti fuggirono poi a Roma per salvarsi. Non furono trovati soldati tedeschi tra i caduti per il bombardamento.” Distrutto il monastero le forze alleate presero la via per Roma dove giunsero, da liberatori, il 4 giugno.
Il bombardamento dell’Abbazia di Montecassino, giustamente classificato dagli storici come crimine di guerra, è stato anche il peggior atto sacrilego verso la Cristianità del XX secolo soprattutto se si vanno a rileggere le parole espresse, dopo molti anni, dal Generale Alexander a giustificazione di tale atto: “Il bombardamento dell’Abbazia di Montecassino era necessario più per l’effetto che avrebbe avuto sul morale degli attaccanti che per ragioni puramente materiali. Quando i soldati combattono per una causa giusta e sono pronti ad esporsi alla morte ed alle mutilazioni in questa lotta, mattoni e calce, per venerabili che siano, non possono prevalere sulle vite umane. Nel contesto generale della battaglia di Cassino come si poteva lasciare intatta una struttura che dominava il campo di battaglia”.


TI POTREBBERO INTERESSARE

Lunedì 16 marzo, nell’ambito del corso di Storia del Novecento tenuto da Pino Pelloni presso l’Università Unitre della Terza Età di Fiuggi (ore 15, Biblioteca Comunale) il giornalista e saggista Antimo Della Valle terrà una lezione sulle battaglie di Cassino e il dramma della popolazione civile. L’incontro, aperto per l’occasione alla cittadinanza tutta, riguarda una delle pagine più drammatiche vissute dalle popolazioni della Ciociaria, ed è arricchito dalla proiezione del documentario “Dopo Cassino: Piedimonte San Germano (1943-1944), una produzione dello Studio Joker Image di Udine, in collaborazione con l’ Associazione Antares di Piedimonte, e vincitore del Premio FiuggiStoria “Lazio Meridionale” 2015.
Martedì 29 settembre (Padiglione Italia, ore 17), presso lo spazio espositivo della Regione Lazio, Pino Pelloni presenterà il suo ultimo libro “Peccati di Gola” (Ethos Edizioni), ospite di Ugo Moro, presidente del Fiuggi Turismo Convention and Visitors Bureau. Cibo ed Eros. Un’accoppiata vincente visto che questo “Peccati di Gola” che lo storico Pino Pelloni ha messo nel piatto in occasione dell’Expo milanese dedicato al tema “Nutrire il pianeta, energia per la vita”, in due mesi di vita è alla seconda ristampa. Argomento intrigante e offerto con una narrazione divertente e divertita.
Fiuggi. Marcello Veneziani a “Libri al Borgo” ospite di Pino Pelloni
Sabato 13 agosto, alle ore 21,15 per gli incontri “Libri al Borgo” (Giardino dell'Excelsior, Bar DueP, Via Ernesta Besso, Fiuggi Città) Pino Pelloni presenta lo spettacolo “Pe’fa l’amore a Roma” con Paolo Procaccini, la voce di Luisa Sorci e la musica di Giancarlo Damilano. Si tratta di uno spettacolo dedicato al dialetto romano, alla sua poesia e alle sue canzoni sul tema del’approccio amoroso a Roma dal 1400 ad oggi.
Pino Pelloni e Giovanna Napolitano Morelli, con una cerimonia svoltasi nella sala Consiliare del Comune di Fiuggi, hanno proclamato i vincitori della settima edizione del Premio FiuggiStoria Lazio Meridionale. Il riconoscimento voluto dallo storico Piero Melograni è andato a Maurizio Federico per il suo “Frosinone alla fine dell'Ottocento: storia politica e sociale della città tra l'800 e il 900 dall'annessione al Regno d'Italia all'attentato al re Umberto” e a Sabrina Pietrobono per lo studio “ I domini de Aquino, indagini storiche e topografiche sui castelli della Valle Latina”.