Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Suicidi tra le forze di Polizia e Forze Armate: convegno nazionale a Frosinone. Il Sindacato Nazionale della Guardia di Finanza accende la prima luce nel buio

13 maggio 2019

Accendere la luce sui suicidi tra le Forze di Polizia attraverso l’aiuto, l’ascolto e la psicologia, per evitare che simili tragedie si ripetano ancora. A pochi mesi dalla sua fondazione, il primo Sindacato Nazionale della Guardia di Finanza promuove un convegno con relatori di spicco, tra i più illustri studiosi in Italia, per iniziare a parlare del “buio” oltre la divisa. Il segretario generale provvisorio ZAVATTOLO: «Una strage che riguarda in modo trasversale uomini e donne di tutte le realtà del comparto sicurezza e delle forze armate».

 

Comunque e al di là di tutto: parlarne. Questo l’imperativo, il mattone fondante che sta alla base del primo convegno “a volto scoperto” del SILF, il Sindacato italiano dei finanzieri, organizzato a Frosinone per il giorno 24 maggio prossimo, alle ore 16. Quasi un suicidio alla settimana negli ultimi mesi tra le Forze dell’Ordine: parte da questo dato nero, ma incontrovertibile la volontà di tentare di far luce su un vero e proprio caso, in Italia: una strage silenziosa quella dei suicidi di chi dovrebbe pensare alla nostra sicurezza. I numeri, purtroppo, non lasciano spazio a dubbi: in percentuale, secondo le recenti statistiche, sono doppi rispetto alla popolazione italiana, ma anche nettamente superiori a Paesi analoghi alla Penisola. E allora come intervenire prima che sia troppo tardi? Il SILF ha deciso di non voltare lo sguardo dall’altra parte e di mettere in piedi un incontro pubblico, rivolto soprattutto a chi oggi indossa una divisa, a chi la vorrebbe indossare e ai familiari di queste due categorie, per drizzare la schiena di fronte al problema.

 

Il SILF è ancora all’inizio del suo cammino per la tutela del personale ma, scorrendo le statistiche, i soci fondatori, in merito alla tematica, sono intervenuti con urgenza a gamba tesa. Accendere quindi luce e attenzione su un fenomeno che risulta difficile da arginare, proprio per il numero di variabili a cui sono esposti gli stessi membri delle Forze dell’Ordine.

 

«Come sindacato – si è espresso così il segretario generale provvisorio SILF Francesco ZAVATTOLO - non possiamo non esaminare questa triste curva ascendente e sviluppare, di conseguenza, iniziative per accrescere il benessere del personale, prestando maggiore attenzione alle difficoltà che possono insorgere in attività di servizio. Speriamo che la legge in discussione in Commissione Difesa tenga conto anche di questa funzione essenziale che i futuri sindacati militari andranno a compiere».

 

PERCHÉ IL CONVEGNO NAZIONALE SUI SUICIDI A FROSINONE?

 

Parla anche Emiliano SERRECCHIA, uno dei soci fondatori del SILF, a cui toccherà aprire i lavori per la giornata tematica del 24 maggio: «Frosinone – dice - è un po’ il ventricolo sinistro del Centro Italia, essendo città vicinissima a Roma. A mio avviso, è proprio dal cuore che si deve partire per tentare di intervenire sistematicamente sui problemi. Da finanzieri e sindacalisti, il 24 maggio, a Frosinone, parleremo di un male che c’è, ma che forse si vede troppo poco o che si fa finta di non vedere: la morte per mano propria a causa di stress, disagi, silenzio e problematiche che devono essere trattenute, il più delle volte, sottopelle, per evitare di avere ripercussioni sul posto di lavoro».

 

Il sindacato sarà chiamato a compiere azioni quotidiane nel settore della sicurezza lavorativa, nell’affrontare i disagi che caratterizzano la professione, andando a scardinare quelle cieche convinzioni per cui le Forze dell’Ordine possono e debbono avere la capacità di affrontare ogni situazione critica, senza alcun genere di supporto.

 

CHI INTERVERRÀ A FROSINONE?

 

«A fronte dell’importanza assoluta di questo convegno, - conclude Matteo DI FABIO, socio fondatore SILF - abbiamo deciso di far convergere a Frosinone i più autorevoli esperti nazionali in materia, per far incontrare nello stesso giorno, nello stesso posto e alla stessa ora, la psicologia, la psichiatria, la giurisprudenza e la medicina, perché il sindacato deve innanzitutto affiancarsi di consapevolezza e supporto scientifico per poter intervenire con efficacia su questo doloroso aspetto. I suicidi avvengono, i suicidi sono sensibilmente aumentati: voltare le spalle non ha mai risolto problemi.

Per questo, per altro e per il futuro, come promesso, il SILF prende posizione».

 

Il 24 maggio, nella sala convegni della Cassa Edile di Frosinone, interverranno Anselmo Briganti, segretario generale Cgil FR-LT e Angelo Di Paola, segretario provinciale FR Silp Cgil. La seconda parte del convegno sarà affidata ai contributi preziosi della dottoressa Rachele Magro, presidente dell'Associazione l’Altra metà della Divisa, della dottoressa Maria Graziana Santucci, psicologo giuridico, del dottor Graziano Lori, presidente associazione Cerchio Blu, del professore universitario Lucio Meglio, sociologo all’Università di Cassino e del dottor Luigi Lucchetti, presidente Associazione Italiana Gestione dello Stress nelle Forze dell'ordine e del Soccorso. Infine, chiuderà i lavori l’intervento del professor Fernando Panarese, docente di medicina legale, esperto in medicina preventiva dei lavoratori e psicotecnica nonché specialista in malattie infettive.

 



TI POTREBBERO INTERESSARE

Questa mattina è stato firmato il contratto di comodato gratuito tra il Comune di Anagni e la Guardia di Finanza che permetterà alla locale Brigata delle Fiamme Gialle di trasferirsi nell'ex tribunale di via Carlo Alberto Dalla Chiesa. Il contratto prevede la cessione in comodato d'uso gratuito di locali per venti anni e risolve la difficoltà della Guardia di Finanza di reperire locali adeguati per svolgere un importante servizio per la città. Contestualmente il Comune ottimizza gli spazi dell'ex tribunale, dove già si trova la Polizia Locale, destinato a diventare una cittadella della sicurezza. Il contratto è stato firmato alla presenza del sindaco Fausto Bassetta, del comandante provinciale della Finanza, colonnello Roberto Piccinini, e del comandante della Brigata di Anagni, luogotenente Carlo D'Onorio. I vertici della Guardia di Finanza hanno espresso viva soddisfazione per l'accordo raggiunto con il Comune di Anagni. Sempre questa mattina sono iniziate le operazioni di trasferimento degli uffici.
Avevano la disponibilità di un patrimonio milionario ma per il fisco erano nullatenenti. E’quanto emerso nei confronti di due soggetti di etnia rom di Frosinone, già condannati per usura e rapina e finiti sotto la lente degli investigatori del Nucleo Pol izia Tributaria della Guardia di Finanza di Frosinone. Gli immobili di ingente valore, i terreni, numerosi conti correnti e denaro liquido nella loro disponibilità, acquisiti a partire dagli anni '90, hanno indotto le Fiamme Gialle ad avviare indagini patrimoniali, coordinate dalla Procura della Repubblica di Frosinone, al fine di verificare la legittima provenienza dei capitali.
Il Nucleo di Polizia economico-finanziaria di Frosinone torna al palazzo comunale di Anagni: ritirati i documenti richiesti nel mese di giugno su incarico della Corte dei Conti
Un maxi blitz della Guardia di Finanza, partito questa mattina all'alba, sta interessando in queste ore anche la provincia di Frosinone; tra gli indagati finiti nel mirino delle Fiamme Gialle e accusati, a vario titolo, di peculato, falso ideologico e abuso d’ufficio ci sarebbe anche un funzionario del Comune di Anagni, residente dalle parti di Ferentino.
A scuola con la Guardia di Finanza: via alla sesta edizione del progetto "Educazione alla legalità economica". Le Fiamme Gialle per partire scelgono l'Istruzione Superiore “G. Marconi” di Anagni