Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Frosinone, sabato 13 aprile la Passio Christi

11 aprile 2019


Dopo il grande successo di pubblico delle edizioni precedenti torna, anche quest’anno, la Passio Christi di Frosinone. Giunta ormai alla quinta edizione, la manifestazione è stata inserita dalla Agenzia Regionale del Turismo della Regione Lazio tra gli eventi più legati alle “tradizioni storiche, artistiche, religiose e popolari”, considerata la forte valenza storico-religiosa e turistica. La suggestiva rievocazione della passione di Gesù Cristo si terrà sabato 13 aprile, dalle 20.30, nella parte alta del capoluogo. Piazza VI dicembre si presterà, infatti, a diventare cornice dell’ultima cena; in questa stessa location, saranno rappresentate le vicende del Getsemani. In piazza Vittorio Veneto, invece, si terrà il processo davanti a Caifa e l’impiccagione di Giuda; in piazza santa Maria sarà allestito il processo davanti a Pilato, mentre sarà in piazza Valchera la stazione raffigurante il sacrificio di Gesù, con la crocifissione.
L'evento, organizzato dalla Pro Loco e dal Comune di Frosinone con gli assessorati alla cultura, al centro storico e al commercio (coordinati, rispettivamente, da Valentina Sementilli, Rossella Testa e Antonio Scaccia), coinvolgerà oltre 200 persone, tra figuranti e attori protagonisti.
“La Passio Christi di Frosinone costituisce un importante momento di coesione sociale e di spiritualità, che unisce, nel suo messaggio universale, credenti e laici. Nel ribadire la limitatezza e la fragilità dell'umano, la rappresentazione del mistero della morte e della resurrezione di Gesù illumina di speranza anche i nostri giorni – ha dichiarato il sindaco di Frosinone, Nicola Ottaviani - Anche quest'anno, la rievocazione organizzata dall'amministrazione con la Pro Loco e l'infaticabile lavoro di artisti, figuranti, artigiani e attori, saprà emozionarci e commuoverci, facendo risuonare in noi quegli interrogativi e quei temi che da sempre accompagnano l'effimero cammino dell'uomo". Gli attori della Passione vivente e i cortei, laici e religiosi, si snoderanno per le vie del centro storico, immersi una scenografia maestosa, tra l'accuratezza e la bellezza dei costumi, all'interno di una rappresentazione in cui a trionfare saranno la vita, la pace e la speranza.
In occasione dell'evento, l'ascensore inclinato prolungherà l'orario di esercizio, e sarà attivo fino all'una del mattino. Si ricorda infine che saranno a disposizione di quanti vorranno partecipare alla sacra rappresentazione anche i parcheggi siti in piazza Marzi, piazza san Tommaso d'Aquino e dell'amministrazione provinciale. 


TI POTREBBERO INTERESSARE

L’associazione "I Viandanti" di Torrice, in collaborazione con la cittadinanza, portano in scena La Passione di Cristo in occasione del periodo della Quaresima
Un'antica tradizione pasquale è stata recuperata e riproposta dagli alunni della 2A del plesso di scuola secondaria dell'I.C. “Colleferro II” di Gavignano: il “Sepolcro a personaggi”. Il “Sepolcro a personaggi” o “Presepe di Pasqua” è una vera e propria struttura presepiale con autonome regole compositive che narra l' “avventura del Redentore” oltre l'evento della Incarnazione. Molto diffuso un tempo è stato, per così dire, accantonato quando, nel XVI secolo dopo il Concilio di Trento, la Chiesa decise di valorizzare maggiormente la rappresentazione della Natività, relegando la struttura presepiale della Passione così ad una dimensione dimessa, destinata a sopravvivere principalmente all'interno dei monasteri.
Ad Anagni un presidio informativo contro le uccisioni di agnelli durante il periodo pasquale
Mentre il glorioso Matusa si appresta a concludere la propria attività (i Canarini giocheranno qui le ultime gare casalinghe della stagione in corso, fino alla conclusione del campionato), continuano senza sosta i lavori al nuovo stadio “Benito Stirpe”: gli operai sono, infatti, all’opera anche durante il sabato che precede le festività pasquali, per la rifinitura delle quattro semicurve, posizionate quali elementi di raccordo tra i distinti, la tribuna centrale, la curva nord e la curva sud.
Blocco dell'umido alla SAF, il sindaco di Frosinone Nicola Ottaviani: "rifiuti mischiati, ultima follia"