Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Alla scoperta del mondo sotterraneo con l'esperto di speleologo Gianfranco Pirosini: sabato 22 dicembre nella Sala Consiliare del Comune di Piglio l'inaugurazione della mostra sulle grotte presenti sul territorio

20 dicembre 2018

Sabato 22 dicembre 2018 alle ore 16.30, presso la Sala Consiliare del Comune di Piglio, verrà allestita una mostra sulle “Grotte” presenti nel Comune di Piglio dall’esperto Gianfranco Pirosini.
La mostra, sponsorizzata dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Piglio e dall’associazione ELLISSE, è stata  inserita nel programma del Natale pigliese 2018.
Gianfranco, con la sua esperienza accumulata in tanti anni d’esplorazione, ha rilevato che le “Grotte”, disseminate nel territorio di Piglio, rivestono una grande importanza per la loro bellezza e per la presenza sia di stalagmiti che di stalattiti come quella ubicata nel complesso francescano di San Lorenzo che costituisce il luogo meglio conservato tra le memorie del Beato Andrea Conti (1240-1302), dove il frate esorcista, l’ideatore del primo Giubileo indetto da Bonifacio VIII, trascorse circa quaranta anni.
Ci auguriamo che le grotte di Piglio siano foriere di una mirata azione di recupero delle nostre zone, che tanto possono dare per lo sviluppo di attività economiche e culturali, e che portino ad un definitivo riscatto dell’intero Comprensorio, allineandolo finalmente alle Regioni più  progredite del Paese.
Al già notevole patrimonio turistico-culturale di Piglio, dal famoso vino “Cesanese” alla gastronomia, alle bellezze artistiche, si aggiungono ora, grazie a Gianfranco, queste ulteriori meraviglie che contribuiranno a fare di Piglio un importante polo turistico del Frusinate.
Da oggi in poi tutto il comprensorio, senza all0ntanarsi tanto, potrà ammirare tali bellezze naturali  racchiuse nel  “mondo sotterraneo di Piglio e dintorni”

Giorgio Alessandro Pacetti

 


TI POTREBBERO INTERESSARE

Il volenteroso Gianfranco Pirosini di Piglio, con la sua esperienza accumulata in tanti anni d’esplorazione e a seguito di una escursione speleogica ha scoperto nei giorni scorsi un’altra importante “Grotta” una delle tante disseminate nel territorio di Piglio. Dalle prime scoperte si è rilevato che le grotte rivestono una grande importanza per la loro bellezza e per la presenza sia di stalagmiti che di stalattiti come quelle ubicate nel complesso francescano di San Lorenzo che costituisce il luogo meglio conservato tra le memorie del Beato Andrea Conti (1240-1302), dove il frate esorcista, ideatore del primo Giubileo, indetto da Bonifacio VIII, trascorse quaranta anni.
Il volenteroso Gianfranco Perosini di Piglio, con la sua esperienza accumulata in tanti anni d’esplorazione e a seguito di una escursione speleogica ha scoperto un’altra importante “Grotta” una delle tante disseminate nel territorio di Piglio.
Un gruppo di 46 persone, originario di Bologna, è giunto a Piglio nel weekend. I turisti, guidati dal capo gruppo Sig. M. Scalambra, curioso di visitare il monte suo omonimo e legato dall'amicizia con lo speleologo del posto, Gianfranco Pirosini, sono arrivati sabato verso mezzogiorno. Si sono subito diretti alla volta dello Scalambra, tramite il Sentiero E1 (Quota Mille), accompagnati dallo speleologo Pirosini, per poi cenare e pernottare presso il Convento di San Lorenzo. Qui Padre Angelo ha intrattenuto i nostri cari ospiti con una conferenza, durante la quale ha trasmesso informazioni sulla storia dell'incantevole convento.
Ha riscosso un grande successo la Mostra Speologica, allestita presso la Sala Consiliare del Comune di Piglio, inserita nel programma del Natale pigliese 2018, sponsorizzata dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Piglio e dall’Associazione ELLISSE di Piglio ed organizzata dalla Federazione Speologica di Arcinazzo Romano.
Un gruppo di giovani speleologici venuti da Roma, accompagnato dal volenteroso Gianfranco Perosini di Piglio, ha visitato le “Grotte” disseminate nel territorio di Piglio.Dalle prime scoperte si è rilevato che le grotte rivestono una grande importanza per la loro bellezza e per la presenza sia di stalagmiti che di stalattiti come quella ubicata nel complesso francescano di San Lorenzo che costituisce il luogo meglio conservato tra le memorie del Beato Andrea Conti (1240-3002), dove il frate esorcista, ideatore del primo Giubileo, indetto da Bonifacio VIII, trascorse quaranta anni.