Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Giullari in Borgo 2018: a Vico nel Lazio clown, equilibristi, giocolieri, mimi, acrobati, fuochisti e molto altro ancora

7 agosto 2018

Sabato 11 e domenica 12 agosto dalle 18.30 fino a tarda notte, a Vico nel Lazio si terrà la settima edizione di "Giullari in Borgo", una manifestazione che ha il pregio di far convivere diverse arti espressive; l'idea dell'Associazione Mani-Slegate è quella di trasformare il paese in un enorme palcoscenico all'aperto. Tra le mura dell'antico borgo medioevale si terrà un festival buskers unico nel suo genere: nelle quattro piazze si alterneranno spettacoli unici. Ci saranno band di ogni genere: dagli Skasso passando per le soronità di Emilio Stella e Band,la Old Jazz Orchestra fino ad arrivare alla “Marlon Banda Show”. Ad aprire il festival ci sarà una parata con tutti gli artisti impegnati nello spettacolo; il secondo giorno non poteva mancare la banda marciante della Murga Romana de "Los adoquines de Spartaco" in un esplosione di colori e percussioni che inonderanno ogni vicolo e piazza del paese. Ovviamente non mancheranno gli spettacoli circensi: clown, equilibristi, giocolieri, mimi, acrobati, fuochisti e molto altro ancora! Durante il festival dal 5 agosto al 15 dello stesso mese sarà allestita una mostra d'arte contemporanea, nelle suggestive location del borgo Ernico realizzata da David Pompili. 6 ore di spettacolo (al giorno) gratuiti assolutamente da non perdere!  Un evento che ogni anno richiama migliaia di persone nel circo sotto le stelle di Vico nel Lazio classificando Giullari in Borgo come uno degli eventi più importanti dell'estate ciociara e fiore all'occhiello degli eventi organizzati dall'associazione ManiSlegate, un associazione no profit composta da ragazzi di Vico che con orgoglio organizzano da sei anni questo evento con il solo scopo di far conoscere il proprio paese e arricchirlo culturalmente. In ogni piazza ci saranno degli stand gastronomici inoltre. Sarà garantito il servizio parcheggio gratuito.


TI POTREBBERO INTERESSARE

Un'estate afosa, come non succedeva da anni: per qualcuno è meglio il freddo dell'inverno, ma c'è chi - questa estate - non vuole proprio salutarla...
La direzione del circo di Amedeo Orfei, da qualche giorno in città, visto il grande successo ottenuto con gli spettacoli dei giorni scorsi, ha deciso di prorogare la sua permanenza in località Osteria della Fontana, dove è stato allestito il meraviglioso tendone.
Estate anagnina: ecco il programma completo da scaricare e da condividere
Giovedì 18 agosto, alle ore 21,30 per gli incontri “L'estate del Borgo” (Scalinata del Teatro Comunale, Rondò di Venere, in Via Garibaldi e nel caso di brutto tempo, all’interno del Teatro Comunale) nell'ambito del Festival FiuggiPlateaEuropa e in collaborazione con gli allievi del FiuggiTeatro Scuola, Luca Simonelli presenta il recital intitolato: “Voglio scrivere del nostro amore” che racconta, in forma di lettura, alcune relazioni amorose di personaggi famosi. Come se si frugasse dentro dei cassetti, il recital propone una serie di “lettere rubate” in cui alcune personalità note per lo più in forma pubblica mostrano lati nascosti del proprio carattere. Da Baudelaire a Ghoete, da Bonaparte a Sant’Agostino, da Italo Calvino e Frida Khalo e così via sono molte le lettere che verranno lette dal vivo e che cercheranno di appassionare lo spettatore attraverso il sentimento dell’amore, ora passionale, ora razionale, ora sublime, ora disperato.
Lunedì 17 agosto nell’ambito della rassegna “L’Estate del borgo” e sotto l’egida del Festival Internazionale FiuggiPlateaEuropa, la Compagnia teatrale Tdo diretta da Luca Simonelli presenta (Ore 21,15, Piazza san Pietro-Ghetto Ebraico a Fiuggi Città) “In vino vanitas”. In scena quattro interpreti. Luca Simonelli e tre giovani attori del FiuggiTeatroScuola: Bernadette Incocciati, Sara Carapellotti e Federico Giorgilli . Lo spettacolo dura un’ora e quindici minuti senza intervallo. In Vino Vanitas racconta la passione per il vino. Il Vino come emblema della perfezione della natura, dell’opera dell’uomo, dei sentimenti che attraverso esso l’essere umano riesce a esternare. Attraverso poeti come Baudelaire, Neruda, racconti popolari, versi di poeti vernacolari come Trilussa lo spettacolo riecheggia le atmosfere di locali dei bassifondi, tra sorsi di vino e umane debolezze.