Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

XXVI edizione di Fiuggi Platea Europa-Caffè du Parc alla fonte di Bonifacio VIII, è la volta di Angiolo Pellegrini che presenta “Noi, gli uomini di Falcone”

5 agosto 2015

Venerdì 7 agosto, per gli incontri del Café du Parc (Fonte Bonifacio VIII, ore 10,30) Pino Pelloni ospita Angiolo Pellegrini per la presentazione del libro “Noi, gli uomini di Falcone. La guerra che ci impedirono di vincere” (Sperlinh& Kupfer).
Palermo, gennaio 1981. Il capitano Angiolo Pellegrini assume il comando della sezione Anticrimine dell’Arma dei carabinieri. Un ruolo scomodo: la mafia in Sicilia ha seminato una lunga scia di cadaveri eccellenti e tiene l'isola sotto scacco. Molto più di quanto si voglia ammettere. Unica speranza, un giudice palermitano che con alcuni colleghi ha fatto della lotta alle cosche la sua missione: Giovanni Falcone. Ha bisogno però di uomini fidati che portino avanti le indagini a modo suo. E Pellegrini non si tira indietro: mette insieme una squadra di fedelissimi – la banda del “capitano Billy The Kid” – e va a infilare il naso dove nessuno ha mai osato, guadagnandosi l'amicizia e la stima del magistrato. Mentre i viddani di Totò Riina e Binnu Provenzano falcidiano a colpi di kalashnikov le vecchie famiglie, carabinieri, polizia e magistrati si alleano in un'azione congiunta che culmina nel rapporto dei 162 e nell'estradizione di Tommaso Buscetta. Il maxiprocesso potrebbe essere il colpo decisivo, e invece … Questo libro ricostruisce dall'interno, a ritmo serrato, il periodo più drammatico ed eroico della guerra a Cosa Nostra: quello che vide uno sparuto gruppo di uomini coraggiosi combattere davvero e dare nuova speranza alla Sicilia; ma anche quello che vide cadere Dalla Chiesa, D’Aleo, Chinnici, Cassarà, Montana. Forse inutilmente, perché il vero nemico rimase senza volto: un oscuro, ambiguo potere politico che prima negò mezzi, risorse e possibilità, e poi smantellò la squadra. In fondo, a voler vincere quella guerra, erano davvero in pochi.


TI POTREBBERO INTERESSARE

Ieri mattina 18 pellegrini a cavallo, partiti Venerdì mattina da Amaseno, dopo aver pernottato ad Anagni, sono transitati a Piglio, per raggiungere la piccola chiesa della Santissima Trinità, incastonata tra i dirupi del monte Tagliata del gruppo dell’Autore, sita a quota 1337.
Acea Ato5 spa comunica che a causa di un intervento di manutenzione straorodinaria urgente sull'impianto di rilancio "Scrofino" si verificheranno riduzioni del flusso idrico nelle seguenti zone: via Casilina, via Paolo Borsellino, via Giovanni Falcone, parte di zona Tofe, via stazione di Supino, via Madonna degli Angeli, via A. Pettorini e zone limitrofe.
“Una giornata di studio e approfondimento per gli Agenti di Polizia Locale che quotidianamente operano sul territorio a contatto con il cittadino” così Giorgio Falcone, Comandante di Polizia Locale del Comune di Carpineto Romano, descrive il Convegno su “Le novità del Codice della Strada”, che si svolge oggi nel seicentesco teatrino del Convento di San Pietro a Carpineto Romano.

Anagni, Festival del Teatro medievale e rinascimentale: il ritorno dei pellegrini, a cura della compagnia TOC

La compagnia di Monica Fiorentini rievoca gli antichi pellegrinaggi medievali con i giovani di Anagni, l’Aiam e il prezioso contributo musicale dell’Ensemble Aubespine (Assisi)
Nell'ambito della XXI Edizione del Festival Medievale e Rinascimentale di Anagni, Domenica 26 Luglio la COMPAGNIA LABORATORIO TOC presenterà una rievocazione storica di un passaggio di pellegrini in abiti medievali, in collaborazione con le contrade Colle Sant'Angelo, Tufoli, Torre, Valle, Piscina, Tofano, Trivio, e l' ENSEMBLE AUBESPINE, gruppo di musica antica.
I pellegrini facenti parte dalla famiglia dell’OFS di Piglio, con la presenza gradita di alcuni fratelli e sorelle della Fraternità di Paliano e di simpatizzanti, si sono recati nei giorni scorsi in pellegrinaggio ad Assisi accompagnati dal diacono frate Lazzaro. I pellegrini ad Assisi hanno visitato il monastero di Santa Chiara e successivamente la Basilica Papale di San Francesco per assistere alla Santa Messa;