Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Anagni. Marangoni. I consiglieri Necci e Ferretti chiedono misure urgenti per mettere in sicurezza l'ambiente della zona in cui sorge la struttura

16 agosto 2019

Sul tema della Marangoni i consiglieri di minoranza Necci e Ferretti tornano, con una nota ufficiale, a chiedere misure concrete per la messa in sicurezza dall’ambiente in cui sorge la struttura.
“I consiglieri Necci e Ferretti- questo il testo della nota-, tornano con veemenza di nuovo all’attacco sulla questione Marangoni. Dopo la  presa di posizione, dura e inappellabile del Consigliere Necci, in sede di Commissione ambiente, seguita dalle dichiarazioni del Consigliere Ferretti, dichiarazioni dello stesso tenore e con le identiche specifiche richieste e valutazioni, i due consiglieri tornano sul tema incandescente. In relazione al rinnovo dell’autorizzazione per la riattivazione dell’impianto di termovalorizzazione della Marangoni, entrambi  avevano indicato nella richiesta di caratterizzazione del sito e della conseguente ineludibile messa in sicurezza dello stesso da parte della proprietà, il percorso da seguire. Ora con nota congiunta, chiedono formalmente al Sindaco ed all’Assessore all’Ambiente del Comune di Anagni di attivarsi, secondo le loro precipue competenze, al fine di chiedere alla Provincia di Frosinone di emettere opportuna ordinanza, per ottenere dalla Marangoni spa  la presentazione ed esecuzione del Piano di Caratterizzazione e la realizzazione di misure ed interventi per la messa in sicurezza del sito, con la motivazione di evitare il diffondersi della contaminazione in essere. Perché di contaminazione trattasi, rilevata, documentata e comunicata dall’ARPA,con superamenti oltre soglia di PCB, piombo, rame e zinco. Pertanto, persistendo il grave rischio di contaminazione e diffusione della stessa, in considerazione del fatto che dal 2010 ad oggi nessuna misura per la messa in sicurezza  per il sito in oggetto è stata disposta, l’amministrazione Comunale di Anagni ed il Sindaco, titolari delle competenze in materia di tutela della salute dei cittadini, possono, ma a detta dei consiglieri devono, a pieno titolo richiedere alla Provincia di Frosinone , Settore Ambiente, Ufficio Bonifiche e Rifiuti,l’emissione di ordinanza ex Art.244 DLgs.vo 152/2006 nei confronti del proprietario e del gestore del sito contaminato Marangoni spa, con obbligo di provvedere alla realizzazione delle misure di prevenzione e messa in sicurezza, nonché alla presentazione del Piano di Caratterizzazione presso il Ministero dell’Ambiente e del Tutela del Territorio e del Mare”.


TI POTREBBERO INTERESSARE

Ad Anagni il caso Marangoni, prima ancora della manifestazione di protesta prevista per domani, martedì 18 giugno, comincia già a creare polemiche tra maggioranza ed opposizione.
Anagni. Presentato ufficialmente il movimento “Idea Anagni”. Per i fondatori è necessario impegnarsi “contro l’accozzaglia di interessi, per far uscire la città dal suo torpore”
Anagni. Caso Marangoni, la nota del consigliere comunale e provinciale Gianluigi Ferretti: "nel mio ruolo mi adopererò al fine di sollecitare gli Uffici Provinciali ad attivarsi per quanto di loro competenza"

Anagni. Consiglio comunale. Approvato il rendiconto di gestione. Attilio Quattrocchi nominato nel Cda del Regina Margherita. Creata la commissione consiliare sulla Sanità

Polemiche per la dichiarazione di indipendenza di Antonio Necci e per l’adesione di Gianluigi Ferretti al gruppo provinciale di Fdi
Anagni. Consiglio comunale. Approvato il rendiconto di gestione. Attilio Quattrocchi nominato nel Cda del Regina Margherita. Creata la commissione consiliare sulla Sanità
Querelle tra il movimento civico Idea Anagni e i responsabili del gruppo politico Anagni Terra Nostra; questi ultimi respingono le accuse: "sempre più dubbi circa la ragion d’essere del Movimento"