Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Questione Marangoni, interviene il Partito Democratico di Anagni: "stabilimento in zona SIN, una legge regionale vieta le attività che vadano a modificare l’equilibrio ecologico"

6 agosto 2019

Di seguito pubblichiamo, integralmente e senza modifiche, una nota stampa inviata a questa redazione dal circolo del Partito Democratico di Anagni:

In queste ultime settimane ad Anagni è tornata fortemente alla ribalta la problematica MARANGONI, legata al Procedimento di rinnovo dell'autorizzazione ex art. 208 del D.lgs. 152/2006 impianto di termovalorizzazione e recupero energetico da pneumatici fuori uso ubicato in Anagni.
In data 18 giugno 2019 la Regione Lazio per mezzo della responsabile DIREZIONE REGIONALE POLITICHE AMBIENTALI E CICLO DEI RIFIUTI Dott.ssa Tosini ha effettuato un sopralluogo sul sito di Via Anticolana per constatare di persona l’effettivo stato delle cose.
Il circolo del partito democratico di Anagni da sempre attento alle problematiche ambientali e consapevole della drammaticità della situazione dell’aria già fortemente compromessa nella valle del Sacco, fa notare che l’impianto ricade in zona S.I.N (zona riconosciuta di Interesse Nazionale dal Ministero dell’Ambiente)
La Regione Lazio con la Legge n. 3/2019 ha approvato nel mese di luglio 2019 una norma sulle aree ad elevato rischio ambientale” prescrivendo nello specifico all’art.5 comma c: “che nelle zone ad elevato rischio ambientale, sono assolutamente vietate tutte quelle attività che vadano a modificare l’equilibrio ecologico che si è creato; l’equilibrio dell’aria, delle falde acquifere etc.!!!”
Questa importante norma a difesa del territorio dovuta all’impegno della Regione Lazio, di tutti i consiglieri regionali sottoscrittori della legge, compresi gli eletti del PD del nostro territorio il Presidente del Consiglio Regionale Buschini e la consigliera Battisti, offre un importante strumento per poter finalmente arrestare il proliferare di impianti particolarmente invasivi dal punto di vista della tutela ambientale. Ora anche la nostra città deve fare la sua parte, quindi chiediamo al Comune di Anagni fino ad ora abbastanza dormiente sul tema, uno scatto in avanti.
L’amministrazione Natalia si attivasse al più presto per presentare in base alla nuova legge l’istanza alla Regione Lazio, Direzione Aree Protette, per accreditare il Comune come area ad elevato rischio ambientale; altrimenti tutto lo sforzo precedente sarà stato inutile.
È il tempo di passare dalle parole ai fatti! Ora finalmente grazie alla nuova legge Regionale possiamo intraprendere un percorso virtuoso per uscire dall’ emergenza ambientale.
Il circolo del partito democratico di Anagni, si dichiara sin da ora disponibile a collaborare per concludere al meglio questo iter. Ovviamente non faremo sconti difronte a tentennamenti o ripensamenti che potrebbero vanificare questa importante opportunità che potrebbe mettere fine una volta per tutte alle richieste della Ex Marangoni.
Non dimentichiamo altresì che la società Marangoni ha lasciato a casa da un giorno
all’altro parecchi dipendenti e padri di famiglia e quindi la sua richiesta che al
momento della messa in funzione poteva avere qualche giustificazione perché legata
al ciclo produttivo ora non ha più senso e pertanto chiediamo alla Provincia e alla
Regione stessa di approfondire anche questo aspetto importante.
Il circolo Pd di Anagni


TI POTREBBERO INTERESSARE

Di seguito pubblichiamo integralmente la nota inviata a questa redazione dal segretario del Partito Democratico di Anagni Francesco Sordo e dai consiglieri comunali Aurelio Tagliaboschi, Egidio Proietti, Maurizio Bondatti, Sandra Tagliaboschi sulla questione Marangoni:
Questione Marangoni, si mobilita anche il primo cittadino Fausto Bassetta; dopo le dichiarazioni rese ieri mattina dal sen. Francesco Scalia, Partito Democratico, in difesa dello storico stabilimento di via Anticolana il cui progetto - presentato dalla Bonifazio SRL - non è stato ammesso ai finanziamenti previsti dall-errore di forma ad ASI ed Invitalia.
Che non fosse solo una voce, quella della perplessità nel Pd anagnino sulla linea “largo ai tecnici” che sembrerebbe sul punto di essere adottata per la composizione della giunta, lo hanno confermato ieri alcuni esponenti del partito democratico anagnino.
Il Partito Democratico anagnino: "ancora silenzio da parte del sindaco Daniele Natalia sulla vicenda relativa all’Operazione Urban Waste portata a termine dal Nipaaf di Frosinone"
Il tesseramento del Partito Democratico per il 2015 é ormai alle battute finali. Questa sera quindi, a partire dalle ore 18, i locali della sezione del circolo, sito in via della Peschiera, resteranno aperti per l'ultimo appuntamento della campagna adesioni, intitolata "Sezione Aperta". Ufficio adesioni e segreteria del PD, accoglieranno le ultime adesioni di militanti ed elettori che intendono rinnovare o aderire ex novo al Partito Democratico.