Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Anagni. Polizia Locale in prima linea nella lotta alle discariche abusive; individuata una ditta che scaricava illegalmente rifiuti speciali; nella strada provinciale Morolense rinvenuto anche un modesto quantitativo di canapa

3 aprile 2019

Importante e lodevole operazione degli agenti della Polizia Locale di Anagni che nei giorni scorsi, su segnalazione di alcuni cittadini, sono intervenuti al km 18 della strada provinciale 11 Morolense, nelle vicinanze di via Capannaccio, dove da tempo - malgrado i periodici interventi di ripulitura - rifiorisce una grossa discarica abusiva di materiale vario. Dopo aver appurato la presenza - tra le altre cose - di rifiuti speciali derivanti da scarti di lavorazione industriali, gli agenti della Polizia Locale Giuseppe Fubelli e Salvatore Zegretti - letteralmente sporcandosi le mani - sono riusciti a rinvenire, tra l'immondizia, anche alcuni documenti attestanti la provenienza dei rifiuti stessi; da un rapido controllo è emerso che la ditta in questione risultava avere sede poco lontano dal luogo del rinvenimento, in territorio di Sgurgola. Il titolare ora sarà chiamato a risponderne.
 Sempre nella stessa discarica abusiva, poco più lontano dal luogo del primo rinvenimento, gli agenti hanno trovato anche alcune piante di canapa - estirpate, messe all'interno di sacchi neri e gettate via a bordo strada - e un modesto quantitativo della stessa pianta essiccata abbandonato all'interno di scatoloni di cartone in cui vi erano anche confezioni vuote di concime e fertilizzanti. Per motivi di sicurezza, gli agenti hanno così provveduto a rimuovere e a distruggere la canapa rinvenuta. Da diverso tempo, ormai, i residenti della zona - stanchi dello sfregio perpetrato all'ambiente della zona - chiedono l'installazione di fototrappole per individuare e sanzionare chi sporca così impunemente le loro strade; purtroppo, ad oggi, il loro appello è rimasto inascoltato e gli attentati all'ambiente proseguono senza sosta.


TI POTREBBERO INTERESSARE

Continua incessante l’opera dei Carabinieri nell’individuare discariche abusive presenti nel territorio. Nella mattinata di oggi, a Sgurgola, i militari della locale Stazione, coadiuvati dal personale della Polizia Locale del comune di Sgurgola, durante mirati servizi di controllo del territorio e contrasto alle violazioni sulle norme per la tutela dell’ambiente,
Il 12 marzo scorso la Direzione Generale Ambiente della Commissione Europea ha comunicato all’Italia la regolarizzazione dei 9 siti di discarica abusivi. Lo rende noto con un comunicato l’Ufficio del Commissario straordinario per la bonifica delle discariche abusive, il generale dei carabinieri Giuseppe Vadalà. La procedura ha avuto inizio il 2 dicembre 2014 data in cui è stata inflitta penalità comminata dalla Corte di Giustizia UE per le discariche non a norma.
Due volte stupidi: la prima perché potrebbero godersi un-altra perché hanno abbandonato rifiuti di ogni genere lasciando bene in vista ricevute di pagamento nominative, libri di testo con tanto di nome e cognome della studentessa che li ha usati per tutto l'anno scolastico, indirizzi e riferimenti vari, tutti riconducibili a uno stesso nucleo famigliare.
La presidenza del Consiglio dei Ministri ha nominato ieri - venerdì 30 dicembre - un Commissario Unico nazionale per tutte le discariche ancora non bonificate per le quali l'Italia (ed a cascata le Regione dei i Comuni) sta già pagando la sanzione UE forfettaria di circa 40 milioni di euro e una penalità semestrale di oltre 42 milioni di euro per la mancata esecuzione della sentenza di condanna del 26 aprile 2007 da parte delle Amministrazioni comunali e regionali, all’interno del cui territorio ricadono le discariche non in regola con la direttiva rifiuti.
Ancora una brillante operazione dei Carabinieri della Compagnia di Anagni, nell’ambito della difesa del territorio.