Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Incendio alla Plastipak. Nessun allarme diossina, i primi dati dell'ARPA tranquillizzano la popolazione; il vicesindaco di Anagni Vittorio D'Ercole: "i valori delle sostanze a rischio sono tutti sotto la soglia di preoccupazione"

21 marzo 2019

Non ci sarebbe allarme inquinamento dopo l'incendio verificatosi ieri pomeriggio - mercoledì 20 marzo - all'interno dei capannoni dello stabilimento Plastipak di via Anticolana di Anagni; a renderlo noto è il vicesindaco di Anagni avv. Vittorio D'Ercole, tra i primi ad attivarsi ieri non appena venuto a conoscenza di quanto stava accadendo. D'Ercole, in questi giorni facente le veci del sindaco Daniele Natalia - all'estero per motivi istituzionali - anche in qualità di assessore all'Ambiente ha subito preso contatti con i responsabili dell'Agenzia Regionale per l'Ambiente del Lazio: "i dati che ci hanno fornito sono confortanti e sotto la soglia di preoccupazione - ha fatto sapere ad anagnia.com - tanto che, così ci è stato detto, avremmo anche potuto evitare di emanare apposita ordinanza di chiusura degli infissi e di divieto di raccolta di frutta e verdura".
Intanto, l'azienda Plastipak - che si occupa della fabbricazione di imballaggi in materie plastiche - per adesso resta chiusa salvo poi riprendere la produzione fra pochi giorni; a provocare l'incendio, come appurato anche dai Vigili del Fuoco, un corto circuito avvenuto su una delle presse utilizzate per dare forma alla plastica. Scattato l'allarme, tutte le procedure previste dal regolamento sono state adottate dal personale dell'azienda tanto che - fortunatamente - nell'incidente non è rimasto ferito nessuno.

 


TI POTREBBERO INTERESSARE

A proposito delll'incendio sviluppatosi nel pomeriggio del 20 marzo 2019 nello stabilimento Plastipak di Anagni, dall'azienda riceviamo le seguenti precisazioni che di seguito pubblichiamo integralmente e senza modifiche:
2000 giorni senza infortuni sul lavoro: lo stabilimento Plastipak di Anagni segna un altro, importante storico traguardo. La cerimonia per festeggiare questo risultato ha avuto inizio con il discorso alle maestranze del General Manager Plastipak Italia Pedro Martins ed è proseguita con la consegna a tutti i dipendenti di una medaglia celebrativa dell’evento, per terminare con un momento conviviale e con il taglio della torta. Il risultato, che inorgoglisce i dipendenti del sito, è frutto della sinergia che si è creata tra Management e lavoratori attraverso strumenti quali formazione e informazione, suggerimenti provenienti da tutti, un-amministrazione comunale di Anagni era presente il consigliere comunale Egidio Proietti il quale dopo aver portato i saluti del Sindaco e di tutta l-azienda per l'esempio che sta dando riuscendo a coniugare ricerca, occupazione e sicurezza sul lavoro, elementi - questi - spesso dimenticati nel mondo del lavoro.
Nuovo sopralluogo - questa mattina, sabato 30 aprile - nel torrente di via Armando Fabi, a Frosinone, da parte del personale dell'Arpa Lazio, dei tecnici di Acea, dei veterinari della ASL e del Corpo Forestale dello Stato; obiettivo: prelevari altri campioni di acqua reflua dal depuratore sospettato dello sversamento inquinante. Inoltre, i veterinari hanno provveduto a prelevare diverse carcasse di pesci morti per accertare la causa della morìa che si è verificata a partire da ieri, venerdì 29 aprile. I risultati delle analisi verranno rese note solo nei prossimi giorni.
Un violento incendio si è sviluppato a partire dalle ore 15.00 circa di oggi - mercoledì 20 marzo - all'interno dei capannoni di pertinenza dello stabilimento Plastipak di Anagni, sulla via Anticolana. Una grossa nube scura si è innalzata alta nel cielo subito dopo; sul posto si sono immediatamente portati i Carabinieri di Anagni e i Vigili del Fuoco di Fiuggi. Le fiamme - a quanto pare - si sono sviluppate a partire dal corto circuito di una pressa adibita a realizzare forme in plastica, in un reparto dove sono impiegate circa dieci persone. Al momento dell'incidente sono state attivate tutte le procedure previste dal protocollo tanto che l'intero impianto è stato fatto evacuare. La zona, al momento, è transennata; sul posto - nel momento in cui scriviamo (ore 15.46) sono ancora presenti i Carabinieri di Anagni, la Polizia Locale e i Vigili del Fuoco. Il sindaco Daniele Natalia, assente in questi giorni per impegni istituzionali all'estero, ha dato mandato al locale Comando di Polizia Locale di emanare immediatamente un'ordinanza di chiusura delle finestre e delle porte nella zona vicina allo stabilimento Plastipak di via Anticolana in cui si sta sviluppando l'incendio e, altresì, di non permanere in luoghi aperti nel raggio di 500 metri dal sito.
Numerose segnalazioni telefoniche sono giunte, in questi giorni, al centralino del comune di Ferentino: tutte avvertivano della presenza di uno strato di sabbia color giallo-ocra, nella zona Fontana La Noce a Ferentino Scalo. Riportiamo, di seguito, le dichiarazioni al riguardo dell-Ambiente Franco Martini: continua a leggere...