Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Anagni. Consiglio comunale straordinario sulla sanità mercoledì 3 aprile dalle 11.30. Polemiche sulla data e l’orario scelti. De Luca: “critiche da parte di chi vuole solo strumentalizzare”

21 marzo 2019

Non è ancora arrivato il giorno dell’assise, ma ad Anagni il consiglio comunale fissato per il prossimo mercoledì 3 aprile a partire dalle 11:30 nella Sala della Ragione per parlare di sanità fa già discutere parecchio. Le prime polemiche infatti sono arrivate prima ancora che si arrivasse al merito della vicenda. E cioè la necessità di sviluppare e di rafforzare una sanità che in zona, evidentemente, da tempo è in forte difficoltà. Qualche ora fa, ad esempio, una signora è caduta facendosi male presso Porta Cerere ed è stato necessario aspettare per circa 20 minuti l'arrivo dell'ambulanza. Anche di questo si parlerà appunto nel consiglio. Per vedere a che punto è arrivato il processo di difesa della sanità dopo che, in seguito alla manifestazione promossa da Adesso basta lo scorso 2 agosto, tutti, a partire dalla giunta Natalia, avevano promesso il massimo impegno per risollevare gli standard della sanità cittadina. Promesse che, almeno per ora, sembrano rimaste al palo. Quello che ha fatto discutere però è, in questo caso, la collocazione oraria del consiglio comunale. In tanti infatti, pochi minuti dopo che si è diffusa la notizia che il Presidente del Consiglio Comunale Giuseppe De Luca aveva fissato il consiglio mercoledì 3 aprile dalle 11:30, hanno avuto da criticare. Soprattutto perché, hanno detto in tanti, la collocazione sembrerebbe fatta apposta per mettere in difficoltà quanti vorranno magari partecipare, ma saranno impossibilitati per lavoro o per altri impegni. Polemiche in questo senso sono state per esempio sollevate sui social da Guglielmo Vecchi, esponente di Idea Anagni. Che ha detto “il giorno lavorativo e l’orario non consentiranno una grande partecipazione. Perché non farlo di venerdì pomeriggio o addirittura di sabato”.
Il mormorio si è diffuso in fretta. E sulla vicenda si è alla fine espresso il Presidente del Consiglio Comunale: “l'unico motivo per cui abbiamo deciso, tutti d'accordo, di fissare il consiglio comunale il prossimo 3 aprile dalle 11:30, è il fatto che la grande affluenza di popolazione in città nel centro storico nel giorno di mercato ci è sembrato una garanzia di maggiore partecipazione ai lavori del consiglio, in una occasione così importante. Ma del resto- ha concluso De Luca - era evidente che, qualunque scelta fosse stata fatta, ci sarebbero state le polemiche, da parte di chi vuole soltanto strumentalizzare, anche a proposito di un argomento così importante”.


TI POTREBBERO INTERESSARE

Traguardo prestigioso per l’avvocato Massimiliano Vecchi e per il presidente del consiglio comunale di Anagni Giuseppe De Luca. L’avvocato De Luca era stato eletto consigliere comunale ( e poi in assise eletto presidente del consiglio) come rappresentante della lista Polo civico- Nuova realtà.
Il segretario del Pd di Anagni Francesco Sordo esprime la sua soddisfazione per l’elezione di Simone Costanzo a segretario provinciale del partito, e di Domenico Alfieri a presidente. Inoltre “salutiamo- dice ancora Sordo- con piacere la nomina in direzione provinciale degli anagnini Luigi Vecchi e Sandra Tagliaboschi nonché la nomina alla importante carica di tesoriere di Vittorio Save Sardaro”
Vanessa Gismondi, Emiliano Iannone, Emanuela Amore, Antonio Occhiuto, Ivan Sterbini, Luca Vecchi ed Emiliano Salvatori hanno ufficialmente costituito, sabato scorso, l'associazione ambientalista e culturale per il territorio "Alternativa per Anagni";
Definite nei giorni scorsi le sette commissioni consiliari permanenti del consiglio comunale di Anagni, formate da otto membri tra esponenti di maggioranza e opposizione. Ecco la composizione.
Un consiglio comunale aperto per parlare di sanità. Lo hanno chiesto stamattina ( con richiesta protocollata in comune) i consiglieri d’opposizione Alessio Fenicchia, Roberto Cicconi, Giuseppe De Luca, Roberto Versi e Daniele Natalia. Che hanno agito d’accordo anche con una serie di movimenti politici locali, quali Casapound, 5 Stelle, Italia dei valori, e Alternativa per Anagni. Questo il punto che dovrebbe essere messo in discussione:“ situazione del nosocomio di Anagni alla luce dell’atto aziendale approvato”. È stata richiesta la partecipazione del Presidente della Regione Zingaretti , di quello della Provincia Pompeo, della Mastrobuono e di tuti i sindaci dei comuni interessati