Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Anagni. Chiesa di Sant'Antonio Abate, rimosse le transenne e il nastro bianco e rosso ma la situazione di pericolo per i passanti resta ai livelli di guardia a causa del grave stato di deterioramento della facciata

2 marzo 2019

Il nastro bianco e rosso e le transenne sistemate per segnalare la situazione di pericolo e per interdire il camminamento di veicoli e pedoni nei pressi della facciata della chiesa di Sant'Antonio Abate è stato rimosso; a segnalarcelo è un nostro lettore, Marco, che ringraziamo. A fronte dell'intervento, ci fa notare Marco, la situazione di rischio di caduta di pezzi di cornicione dalla sommità della facciata non è stata ancora risolta: come si evince dalle foto che qui pubblichiamo, infatti, assai grave è lo stato di deterioramento che ha determinato la transennatura dell'area immediatamente attigua all'entrata della chiesa, oggi sconsacrata e destinata ad auditorium comunale. Si spera che - in attesa di un intervento risolutore definitivo di sistemazione dell'intera facciata - il nastro bianco e rosso e le relative transenne, il cui scopo era quello di prevenire eventuali, ulteriori rischi di distacchi di elementi architettonici decorativi a tutela della pubblica incolumità, tornino presto al loro posto.
 


TI POTREBBERO INTERESSARE

I Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale restituiscono un’antichissima scultura lignea del XIV secolo denominata “Madonna in trono con Bambino – Madonna del Rosario” nel 1972 dalla Chiesa di Sant’Antonio Abate di Ferentino
E’ in programma domenica prossima, 4 dicembre, la cerimonia ufficiale per la collocazione della statua di Papa Celestino V, a Ferentino. La statua verrà posizionata nel luogo più consono per storia ad ospitarla: il largario della Chiesa di Sant’Antonio Abate, tra i primi eremi ad essere fondati dal monaco.
Oggi a Vico nel Lazio si festeggia il Santo con la barba bianca, Sant' Antonio Abate, già da Mercoledì 17 Gennaio sono iniziati i festeggiamenti in Suo onore. L'evento clou si è svolto oggi con la Santa Messa presso la chiesa della Madonna delle Grazie dove è ubicato il Santo; subito dopo la messa si è svolta la benedizione degli animali ed erano presenti cavalli, gatti, cani ecc
I primi documenti ufficiali, nei quali si menziona la chiesa, risalgono alla visita apostolica di Vincenzo Ercolani delll’11 Aprile 1571, ed era intitolata alla Madonna delle Grazie (che si festeggia il 12 Settembre) in quanto nella parete dell’altare Maggiore, vi è un affresco che la ritrae contornata da angeli, risalente al XVI secolo. Nel 1874 vi fu trasferita, dalla Chiesa di S.Rocco, la statua di S. Antonio Abate, che diede il nome alla chiesa.
Taglio dell’erba e ad operazioni di manutenzione nel piazzale di Tufano di Anagni in occasione della festa di Sant'Antonio Abate; il consigliere di zona Alessandro Cardinali: "feste sono una occasione importante di aggregazione per la comunità"