Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Un milione e 200mila euro per 1800 metri di pista ciclabile, la giunta approva il progetto di fattibilità tecnico-economica ma Anagni cambia Anagni non ci sta: "costo sovrastimato, utilità discutibile"

20 febbraio 2019



Una interrogazione consigliare per chiedere conto al sindaco di Anagni, avv. Daniele Natalia, dell'esosità del costo e dell'effettiva rispondenza nei confronti degli obiettivi di carattere culturale, ambientale e di sviluppo economico della pista ciclabile per la quale la giunta comunale  ha recentemente approvato il progetto di fattibilità tecnico economica; a depositarla ieri mattina - martedì 19 febbraio - il dott. Nello Di Giulio, consigliere comunale per "Anagni cambia Anagni". L'opera pubblica che collegherà la stazione ferroviaria di Anagni ed il villaggio di San Bartolomeo per complessivi 1800 metri costerà alle tasche dei contribuenti un milione e duecentomila euro. "Il gruppo consiliare di “Anagni cambia Anagni” non condivide tale scelta in quanto non coerente verso gli obiettivi di carattere culturale, ambientale e di sviluppo economico propri dell’opera pubblica, nonché per  il costo stimato di gran lunga superiore ai costi standard di opere similari", si legge in una nota inviata a questa redazione. 
"Chiedo risposte in aula consigliare su quante e quali valutazioni alternative sono state esaminate prima di arrivare all'opinabile progetto in delibera di giunta, nonché disponibilità a riconsiderare il metodo e definizione per una scelta più congeniale agli obiettivi dell'investimento dell'importante somma di pubblico denaro - spiega il dott. Nello Di Giulio nella sua interrogazione - un migliore accreditamento qualitativo verso la Regione Lazio per accedere al cofinanziamento e la massimizzazione del ritorno di sviluppo economico, sociale e culturale per l'intera città dovranno essere gli elementi di base nel riconsiderare la scelta frettolosamente deliberata". L'interrogazione, in formato .pdf e in versione integrale, è disponibile a questo link.


L’assessore allo Sport Jessica Chiarelli risponde alle critiche del consigliere Nello Di Giulio relativamente alla realizzazione di una pista ciclabile in Via Cangiano: “In merito alle notizie apparse sulla stampa, relative all’interrogazione presentata dal consigliere Di Giulio sull’approvazione da parte della Giunta comunale di un progetto per chiedere alla Regione Lazio un finanziamento per la realizzazione di una pista ciclabile è opportuno precisare che i fondi sono stati richiesti in base ad una apposita legge regionale che finanzia la realizzazione di piste ciclabili. Quando si parla di denaro pubblico è sempre opportuno specificare la provenienza dei fondi e le finalità per i quali vengono richiesti così da non ingenerare nella cittadinanza il dubbio che il denaro erogato dalla Regione Lazio ad hoc possa essere utilizzato per obiettivi diversi. Relativamente alle scelte dell’amministrazione comunale è bene ricordare al consigliere Di Giulio che è lapalissiano che vengano effettuate da chi è stato scelto dai cittadini per governare la città. Chiedere oggi di rivedere il progetto è, quantomeno, risibile poiché sarebbe bastato rileggere il bando per comprendere che tutta la documentazione andava inoltrata alla Regione Lazio entro il 20 febbraio”.

 


TI POTREBBERO INTERESSARE

Pista ciclabile a san Bartolomeo di Anagni. La replica dell’assessore allo Sport Jessica Chiarelli alle critiche del consigliere Nello Di Giulio: "chiedere oggi di rivedere il progetto è risibile"
Liste a sostegno della candidatura a sindaco di Nello Di Giulio
Pista ciclabile tra la stazione ferroviaria di Anagni e il quartiere di san Bartolomeo: botta e risposta tra l'assessore Jessica Chiarelli e il dott. Nello Di Giulio (Anagni Cambia Anagni)
Attività fisica e sportiva all’aperto: il Comune di Piglio installa delle attrezzature sportive sulla pista ciclabile
Di seguito pubblichiamo la nota inviata a questa redazione dal dott. Nello Di Giulio del gruppo "Anagni cambia Anagni", a commento dell'esito del sondaggio promosso da questo giornale sulla questione relativa alla ZTL nel centro storico di Anagni: