Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Stato di abbandono, degrado e pericolo al parcheggio multipiano di via San Giorgetto: il consigliere di minoranza di "Anagni cambia Anagni" Nello Di Giulio deposita un'interrogazione indirizzata al sindaco Daniele Natalia

5 novembre 2018

Stato di abbandono, degrado e pericolo: a segnalarlo, con una interrogazione al sindaco di Anagni Daniele Natalia e al presidente del consiglio comunale Giuseppe De Luca, è il consigliere di minoranza Nello Di Giulio, Anagni Cambia Anagni. Oggetto dell’interrogazione è il parcheggio multipiano di via San Giorgetto. L’interrogazione protocollata oggi – lunedì 5 novembre – dal consigliere Di Giulio mira a richiedere di conoscere programmi, tempi e modalità d’ intervento “per un primo urgente ripristino di ordinaria funzionalità e sicurezza per tutti i cittadini e per una successiva valorizzazione nel  ruolo di principale hub d’ingresso per visitatori e turisti”.
Ecco quanto si legge nell’interrogazione: premesso che Il multipiano  San Giorgetto, con i suoi circa 400 posti auto, è di gran lunga il più importante parcheggio pubblico della Città; che  esso, da qualche settimana, rappresenta l’unica possibilità di parcheggio per tutti gli abitanti dell’area di Piazza Innocenzo III privati  -anche nella stagione autunnale/ invernale-   della possibilità di lasciare le loro auto in sosta notturna nella parte di valle della medesima piazza; che esso costituisce il primo hub d’ingresso per visitatori e turisti del centro storico o, semplicemente,  per tutti gli interessati all’eccellente offerta enogastronomica che si sta progressivamente sviluppando nel quartiere dell’acropoli cittadina. Inoltre, considerato che, nonostante tutto quanto in premessa, esso versa in uno stato di abbandono, disordine e degrado assolutamente non più tollerabile: la frequente e continua mancanza di illuminazione  nelle ore serali e notturne impedisce perfino di scendere le scale nei primi piani inferiori se non con improvvisate torce dei telefonini e, particolarmente in questa stagione piovosa,  la diffusa presenza di ristagni di acqua  aggiunge  gravi disagi e rischi all’incolumità dei malcapitati utilizzatori; lo stato indecente delle pareti, nella complicità dell’oscurità sempre più imbrattate,  le tubazioni  di scarico rotte o divelte, i corpi luminosi sottratti o pericolosamente pendenti ,  la mancanza di un’apposita videosorveglianza, la presenza di  angoli  ormai riservati alle funzioni corporali ed altri svariati accidenti creano stati di inquietudine e paure che travalicano anche l’ordinaria razionalità; perduranti infiltrazioni di acqua continuano ad arrecare danni anche strutturali causando nel cemento armato di alcune travi portanti progressivi scrostamenti  con evidenziazione di ferri  assaliti dalla ruggine; nell’ultimo  piano ipogeo (pur senza voler creare pubblici allarmismi) regna una particolare pericolosità connessa all’ improprio utilizzo di ambienti  del sottorampa con porte divelte, sfondamento di tramezzature e presenza di discariche abusive tra improvvisati giacigli, qualche cartone da pizza e testimonianze di grande emarginazione; che un contesto così degradato  riporta  inconsapevolmente la nostra mente a quei  pericoli potenziali in cui si sono maturati incresciosi fatti di cronaca dei giorni appena trascorsi e considerando , altresì,  che la Pubblica Amministrazione ha obbligo di garantire la sicurezza  dei cittadini anzitutto in via preventiva.
Per quanto premesso e considerato
il sottoscritto  Nello Di Giulio, consigliere di minoranza, chiede di essere messo a conoscenza,  con risposta scritta, di  programmi, tempi e modalità di intervento manutentivo nel Multipiano di San Giorgetto  per un primo urgente ripristino della ordinaria funzionalità e sicurezza per tutti i cittadini. Chiede altresì che cosa l’Amministrazione  intenderà  fare per  recuperare ed accrescere il suo naturale valore di hub d’ingresso per visitatori e turisti, volendo essa perseguire nei fatti il nuovo indirizzo economico di reale sviluppo della “economia del turismo”.


TI POTREBBERO INTERESSARE

Vandali scatenati nella notte tra venerdì e sabato al parcheggio multipiano di San Giorgetto ad Anagni. Stamattina, sabato 3 febbraio, almeno 6 i malcapitati automobilisti che, andando a prendere la loro auto dopo averla parcheggiata la sera precedente, l’hanno trovata completamente devastata: i finestrini rotti, l’interno distrutto; in quasi tutti i casi, non per rubare qualcosa, ma per il puro gusto dell’atto vandalico.
I tremendi ed odiosi atti vandalici perpetrati nella notte tra venerdì e sabato nei piani inferiori del parcheggio di san Giorgetto, a due passi dal presidio ospedaliero, non ha lasciato indifferenti i tanti cittadini di Anagni e anche di fuori città che - attraverso i vari social-network - hanno commentato con parole più o meno dure quanto accaduto. "Sono in programma nell'agenda di questo assessorato - spiega Simone Pace, assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Anagni - degli interventi migliorativi dell'intera area. Una parte di questi lavori spetta alla società che gestisce le strisce blu, che si è aggiudicata la gara con offera migliorativa riguardante proprio il multipiano san Giorgetto; l'altra parte spetta al Comune".
Liste a sostegno della candidatura a sindaco di Nello Di Giulio
Condizioni “vergognose”. Sono quelle del parcheggio antistante alla stazione ferroviaria di Anagni. Come nel caso del parcheggio di San Giorgetto, la zona antistante alla stazione ferroviaria rappresenta il biglietto da visita della città per tutti quelli che arrivano in zona. E, purtroppo, la prima impressione non è eccezionale.
Di seguito pubblichiamo una nota inviata a questo giornale dal dott. Nello Di Giulio, eletto consigliere nelle fila dell'opposizione: