Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Anagni. Aveva stoccato rifiuti speciali, pneumatici, bombole gpl vuote, estintori vuoti, bitume, bidoni per lubrificanti esausti e molto altro su un'area di circa 3000 mq: 82enne di Ferentino denunciato dai CC

13 marzo 2018

Continua incessante l’operato dei Carabinieri tendente a contrastare e reprimere reati in materia ambientale, problema dilagante che interessa tutto il territorio e che sta producendo effetti preoccupanti di inquinamento del terreno, dei corsi d’acqua e delle falde acquifere sotterranee, creando altresì effetti negativi sulla produzione agroalimentare della zona in questione. Nella mattinata odierna, ad Anagni, i militari della locale Stazione, coadiuvati dai colleghi della Stazione CC Forestale e dal personale dell’Arpa Lazio di Frosinone, nell’ambito di specifica attività info - investigativa finalizzata a contrastare illeciti in materia ambientale, hanno denunciato in stato di libertà per gestione illecita di una discarica abusiva di rifiuti speciali pericolosi non autorizzata e realizzazione di opere edilizie in assenza del permesso per costruire, un 82enne residente in Ferentino, già censito per reati contro la persona ed il patrimonio. Gli accertamenti effettuati dai militari operanti consentivano di raccogliere univoci e coincidenti elementi di colpevolezza nei confronti del predetto, il quale aveva realizzato, su un’area di circa tremila metri quadrati, una discarica abusiva di rifiuti pericolosi, ove venivano stoccati a contatto con il suolo, rifiuti speciali consistenti in pneumatici, bombole gpl vuote, estintori vuoti, bitume, bidoni per lubrificanti esausti, parti di carrozzeria e meccaniche, componenti metallici e plastici riconducibili a veicoli già rottamati. Nel medesimo contesto emergeva che l’indagato aveva realizzato un muro di contenimento in cemento armato e una tettoia in ferro adibita a rimessa attrezzi da lavoro in assenza del prescritto titolo autorizzativo. Tutta l’area in questione veniva sottoposta a sequestro preventivo.


TI POTREBBERO INTERESSARE

Servizi in tutela dell’ambiente predisposti dalla Compagnia dei Carabinieri di Anagni: in pochi giorni scoperte tre aree con rifiuti solidi/urbani, speciali e pericolosi. C'era anche una Smart priva di telaio
Il sindaco Fausto Bassetta ha disposto un incremento di servizi, da parte della Polizia Locale, per contrastare il fenomeno dell’abbandono dei rifiuti nel territorio anagnino, anche attraverso interventi coordinati con Carabinieri, Guardia di Finanza e Corpo Forestale."L’abbandono dei rifiuti – rileva Bassetta – costituisce pratica di inciviltà e un non lieve danno all’ambiente e al paesaggio. Inoltre, comporta aggravi economici al Comune costretto a programmare appositi interventi di bonifica con costi rilevanti".
Nella serata di ieri, martedì 23 maggio, a Ferentino, lungo la via Morolense, i militari della locale Stazione, nel corso di un mirato servizio finalizzato al controllo del territorio e contrasto alle violazioni sulle norme per la tutela dell’ambiente, hanno accertato la presenza di una discarica abusiva consistente in alcuni sacchi di rifiuti solidi organici.
I Carabinieri della Stazione di Ferentino agli ordini del mar. Raffaele Alborino, al termine di attività info-investigativa, hanno denunciato in stato di libertà quattro persone responsabili a vario titolo di attività di gestione di rifiuti non autorizzata. I militari, dopo un servizio di pedinamento e osservazione, sono riusciti ad accertare l’attività illecita di interramento rifiuti pericolosi ad opera dei denunciati all’interno di un’azienda sita nella giurisdizione della Compagnia Carabinieri di Anagni, consistenti in scorie polverulenti la cui natura sarà accertata dagli organi tecnici competenti. In particolare sono stati sottoposti a sequestro: scorie racchiuse in grossi contenitori di juta, del peso complessivo di circa 600 kg.; l’intera area dell’azienda (circa 5000 mq); l’escavatore utilizzato per l’interramento dei rifiuti; due autocarri utilizzati per il trasporto delle scorie.
Ancora un importante risultato messo a segno dai Carabinieri della stazione di Acuto coordinati dal mar. Luca Sarra: ieri pomeriggio - venerdì 29 settembre - in territorio di Acuto, il personale del locale Comando Stazione, nell’ambito di predisposti servizi finalizzati al controllo del territorio ed al contrasto delle violazioni sulle norme per la tutela dell’ambiente, In trasferta da Anagni ad Acuto per gettare rifiuti speciali su di una piazzola di sosta ubicata lungo la via Anticolana: pensionato anagnino sanzionato con 1200 euro dai Carabinieri