Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Anagni. Saxa Gres mantiene le promesse: riassunti tutti i lavoratorio ex-Marazzi

25 dicembre 2016

"Notizie come queste se ne leggono poche in questi giorni in Italia. È proprio un buon Natale" - commentano i sindacati del territorio di Frosinone, sulla base del piano della assunzioni di Saxa Gres SpA, azienda di produzione ceramica e gree economy.
È infatti di queste ore la chiamata per la riassunzione di tutte le maestranze coivolte nella riconversione di Area Industrie Ceramiche che, dopo un lungo concordato, è stata rilevata da una cordata anglo-italiana capitanata dall'investitore Daniele Bartoccioni Menconi, che ha permesso di riprendere la produzione da poche settimane e si accinge a ripartire a pieno regime.
"È stato un duro lavoro, e soprattutto una promessa mantenuta - afferma Francesco Borgomeo, motore della riconversione e ripartenza - "è stato un impegno preso innanzitutto davanti ai lavoratori, alle loro famiglie, al territorio ed al mondo della ceramica".
Abbiamo voluto anche lanciare un messaggio a questa Provincia, a questa Regione ed al Paese tutto, che con coraggio, sacrificio, ed impegno, si può uscire dalla crisi. Vogliamo che Saxa possa rappresentare un esempio e un segno di incoraggiamento per tanti che sono ancora in difficoltà per far capire che la luce c'è in fondo al tunnel. Buon Natale a tutti da Saxa Gres".

 


TI POTREBBERO INTERESSARE

Si è concluso con successo in questi giorni l’acquisizione dalla procedura concordataria dal tribunale di Frosinone dello stabilimento di produzione ceramica di Anagni, ex Marazzi. Saxa Gres Spa, ha previsto tra acquisizione e investimenti produttivi uno stanziamento di oltre 15 milioni di Euro con il quale rilancerà la produzione attraverso un innovativo e rivoluzionario progetto di valorizzazione delle ceneri dei termovalorizzatori. Saxa Gres S.p.A., si è impegnata a riassumere tutto il personale ex Area Industrie Ceramiche, garantendo 94 nuovi posti di lavoro, tra assunzioni dirette ed indotto. “Si tratta di un progetto al quale abbiamo lavorato da oltre tre anni per una reale riconversione industriale” afferma Francesco Borgomeo, ideatore del progetto e già amministratore della Area Industrie. Dobbiamo ringraziare innanzitutto i lavoratori e le Organizzazioni Sindacali che hanno creduto nella riuscita della nostra impresa, e il Tribunale di Frosinone che con pazienza e sapienza ha accompagnato la riconversione. Ora tocca alla nuova azienda - conclude Borgomeo - adottare il piano industriale della prima reale industria di Circular economy che nasce in Italia”.
Sarà la Saxa Gres, l’azienda che ha fatto rinascere lo stabilimento della ex Marazzi di Anagni qualche mese fa, a far ripartire anche la Ideal Standard di Roccasecca. Ponendo così fine ad una vertenza che rischiava di lasciare a casa quasi 300 lavoratori.
Anagni. Il sindaco Fausto Bassetta replica al deputato 5 Stelle Luca Frusone: "a proposito di superficialità e pressapochismo, si informi prima di parlare: non è stato siglato nessun protocollo d'intesa con la Saxa Gres"
E' stata pubblicata oggi - giovedì 18 gennaio - sul Bollettino Ufficiale Regionale del Lazio l'autorizzazione ex Art.211 TU Ambiente (sperimentale) per l'impianto Saxa Gres di Anagni riguardante il recupero e il riutilizzo delle ceneri dei termovalorizzatori. L'autorizzazione è valida per la durata della sperimentazione (tre mesi) a partire dal 21 dicembre 2017.
Prima visita istituzionale in provincia di Frosinone per il neo-assessore regionale della giunta regionale del Lazio Claudio Di Berardino che stamattina - insieme alla prefetta di Frosinone dott.ssa Emilia Zarrilli e al presidente dell'ASI Francesco De Angelis - ha visitato gli stabilimenti della Saxa Gres, industria che opera nel settore delle ceramiche e che, proprio ad Anagni, ha fatto partire un rivoluzionario progetto per la creazione di ceramiche utilizzando nell'impasto una parte di polvere inerte ottenuta dal termocombustore di San Vittore. A fare gli onori di casa il dott. Francesco Borgomeo, direttore dello stabilimento di Anagni il quale, cogliendo l'occasione, ha chiesto ai vertici politici ed istituzionali che sono intervenuti un sostegno sia in termini di taglio della burocrazia che di miglioramento delle infrastrutture, soprattutto quelle viarie, che ancora oggi creano molti problemi per la valorizzazione del territorio.