Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Domani 13 settembre alle 18 nella Sala della Ragione si inaugura la mostra di Ernesto Biondi

12 settembre 2014

Si inaugura domani alle 18, nella Sala della Ragione del Comune di Anagni, una mostra fotografica e di disegni dedicata ad Ernesto Biondi, lo scultore ciociaro apprezzato in tutto il mondo anche per le sue partecipazioni alle esposizioni internazionali di Parigi, a New York, nel Sud America.
 L’esposizione presenta in una serie di pannelli la riproduzione fotografica delle opere più importanti di Ernesto Biondi e una serie di disegni di Donatella Gismondi, figlia dello scultore Tommaso, a sua volta figlio di un cugino di Ernesto Biondi. Infatti era una Biondi di Morolo la nonna di Tommaso Gismondi, che ha realizzato le porte di numerose chiese in Ciociaria e quelle della Biblioteca in Vaticano. Tra i disegni in mostra alcuni particolari de “I Saturnali”, vincitori del Grand Prix all’Esposizione Internazionale di Parigi del 1900, che sono certamente l’opera più famosa di Ernesto Biondi: dieci figure in un colossale gruppo che si protende in avanti con l’effetto di fare sembrare vivi i personaggi ai visitatori che ammirano l’opera alla Galleria Nazionale di Arte Moderna di Roma.
Tra le opere di Biondi, a Frosinone tutti conoscono il monumento a Ricciotti e ai martiri della Ciociaria, che sorge davanti al Palazzo del Governo, ma sono autentici capolavori i “Libertadores” a Santiago del Cile e “Le Marie al Sepolcro” che sono a Buenos Aires insieme alla seconda edizione dei Saturnali. Da ricordare ancora il “Gaio” a Palazzo di Giustizia a Roma, il Monumento a Menotti Garibaldi, la Tomba Campanari. La sua incompiuta, un vero capolavoro, è il gruppo de “Le Misere recluse” nato dopo una visita al carcere femminile di Perugia, ultima sua opera.
 <Ho tentato di fissare in un’opera d’arte questo sentimento che mi turba lo spirito da decine di anni – ha scritto Ernesto Biondi -  e mostrare in forma tangibile al popolo la realtà delle lacrime che non possiamo vedere, dei gridi di dolore che non possiamo ascoltare, e dei drammi di anime ai quali non si è dato assistere. Sono 15 recluse grandi al naturale ed ho scelto la donna per dar forza al mio sentimento, perché essa più dell’uomo soffre e piange senza ribellione. Nascerà grano o loglio su questo campo che vado seminando? E’ assai difficile l’arte>. <Aver riproposto due delle teste di queste donne - ha detto il curatore della mostra Alfio Borghese - è motivo di grande orgoglio>.
La mostra sarà inaugurata dal sindaco di Anagni, Fausto Bassetta, e dall’assessore alla cultura Marilena Ciprani e resterà aperta sino al 30 settembre.

 

TI POTREBBERO INTERESSARE

La città di Anagni rende omaggio a Ernesto Biondi, scultore morolano nato nel 1854, con una mostra a lui interamente dedicata, allestita nella Sala della Ragione del Palazzo di Jacopo da Iseo. Continua a leggere...
Morolo celebra lo scultore Ernesto Biondi nel centenario della sua morte. Dopo l’intitolazione della targa in sua memoria in Via degli Scipioni avvenuta martedì a Roma, le iniziative si spostano a Morolo per un week end davvero intenso e significativo. Alle 17 di domani 7 Aprile, all’Auditorium Comunale, verrà presentato il libro per ragazzi:
Grande successo per lo spettacolo finale del laboratorio teatrale del Liceo Dante Alighieri di Anagni. Domenica scorsa, 7 giugno, gli studenti del Liceo, sotto la sapiente guida di Luca Simonelli, da anni guida del laboratorio teatrale, hanno messo in scena una versione molto personale e particolare dell'Alcesti. Una tragedia “ difficile” quella di Euripide, come hanno detto in tanti, ma che ha esaltato le doti di maturità artistica dei giovani attori anagnini. Alla fine, complimenti anche da parte del sindaco Fausto Bassetta e dell’assessore alla cultura Marilena Ciprani. Ovazione in sala per la professoressa Biondi, da anni referente del progetto nella scuola.
Morolo celebra lo scultore Ernesto Biondi nel centenario della sua morte. Davvero ricco il programma stilato dal “Comitato storia, arte, cultura E. Biondi” e patrocinato dall’amministrazione comunale guidata da Anna Maria Girolami. Si comincia domani (martedì 4 Aprile) a Roma, dove l’artista morolano è morto il 5 Aprile del 1917 con l’intitolazione della targa alla memoria in Via degli Scipioni alle ore 10.
Nella mattinata di oggi la Compagnia Carabinieri di Anagni ha effettuato una conferenza agli studenti della Scuola Media Ernesto Biondi di Morolo alla quale ha partecipato il Luogotenente DE Rosa Pierluigi, comandante della locale Stazione. Tale iniziativa è connessa al protocollo di intesa denominato “Contributi dell’Arma dei Carabinieri alla formazione della cultura della legalità” che il Comando Generale dell’Arma ha concordato con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.