E’ quantomeno evidente che non ha preso seriamente la misura che gli è stata comminata dal giudice dopo che, nei giorni scorsi, aveva fatto il diavolo a quattro minacciando con un bastone un commerciante del luogo per farsi consegnare soldi, alcool e sigarette, motivo per cui era stato arrestato.

Dopo la tentata fuga di ieri, l’uomo – stamattina – è stato nuovamente sorpreso a passeggiare in giro per la città dai Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile della locale Compagnia impegnati in un servizio perlustrativo. Per l’uomo – già censito per reati contro il patrimonio, la persona, per tentata estorsione e, appunto, di evasione dagli arresti domiciliari – è stata disposta dall’Autorità Giudiziaria competente di nuovo la misura degli arresti domiciliari, stavolta con l’applicazione del dispositivo del braccialetto elettronico.

“Il prevenuto, già sottoposto alla detenzione domiciliare per il reato di tentata estorsione, commessa ai danni di una locale attività commerciale il 16 giugno scorso – si legge in una nota inviata dal Comando provinciale dell’Arma dei Carabinieri di Frosinone – è stato sorpreso dagli operanti in un esercizio commerciale distante dalla propria abitazione ove scontava la suddetta misura. Lo stesso, già lo scorso 20 giugno, era stato trovato dai militari al di fuori dell’abitazione senza autorizzazione, e pertanto, come due giorni fa, l’arrestato veniva nuovamente sottoposto al regime degli arresti domiciliari in attesa del giudizio direttissimo”.