Gli agenti della Squadra Volante della Questura di Frosinone hanno tratto in arresto con l’accusa di detenzione ai fini dello spaccio di sostanze stupefacenti e sottoposto alla misura degli arresti domiciliari un ventenne residente nella parte basssa del capoluogo; il giovane è stato notato dagli stessi poliziotti impegnati in una normale attività di controllo del territorio; era assieme ad un suo amico: entrambi, alla vista della pattuglia, hanno cercato invano di far perdere le proprie tracce facendo ingresso in un vicino palazzo ma sono stati fermati e perquisiti.

Il più giovane è stato trovato in possesso di 0.82 grammi di hashish e di un “push dagger”, un piccolo coltello tattico occultabile tra le dita della mano, ed è stato denunciato per porto abusivo di armi o oggetti atti ad offendere e segnalato amministrativamente quale assuntore di sostanze stupefacenti.

L’altro invece è stato trovato in possesso di 10.53 grammi di hashish già suddivisi in 12 dosi pronte per essere smerciate, oltre ad un bilancino di precisione e ad una somma di 180 euro.
Il ventunenne frusinate è stato arrestato per spaccio di sostanze stupefacenti e sottoposto alla misura degli arresti domiciliari.