Fiuggi

Il Sindaco Alioska Baccarini e l’assessore ai servizi sociali Simona Girolami comunicano che sono pervenuti all’ente i fondi ministeriali destinati a soddisfare le misure urgenti di solidarietà alimentare in favore dei nuclei familiari del Comune di Fiuggi.
Siamo invece in attesa dell’accreditamento dei fondi regionali destinati alle medesime finalità.
Attraverso apposito avviso, pubblicato già nella giornata di ieri sul sito comunale, saranno individuati gli esercizi commerciali presso i quali sarà possibile utilizzare i buoni spesa, gli stessi esercenti procederanno alla consegna della spesa preferibilmente presso il domicilio del destinatario.
Nella giornata di domani si procederà all’adozione della delibera di giunta per la variazione del bilancio, la regolamentazione della gestione dei fondi e l’approvazione del modello di autocertificazione.
Per poter ricevere il buono spesa il cittadino dovrà compilare apposita autocertificazione nella quale dichiarare, sotto propria responsabilità civile e penale, la composizione del nucleo familiare e la sussistenza dei requisiti per accedere al beneficio.
L’autocertificazione potrà essere stampata direttamente dal sito comunale, compilata e inoltrata, unitamente alla copia del documento d’identità del sottoscrittore, presso gli indirizzi di posta elettronica servizisocialifiuggi@libero.it
I cittadini che non avessero possibilità di procedere in tal senso potranno richiedere il modulo di autocertificazione al C. O. C. Centro Operativo Comunale e alle assistenti sociali contattando:
– 3501312354 Katiuscia
Martedi e giovedì (dalle 9 alle 12 e dalle 15 alle 18)
-:3487336079 Anna Maria
Lunedì e mercoledì (dalle 9 alle 12 e dalle 15 alle 18)
– 0775 515861 COC Centro Operativo Comunale
dal lunedì al venerdì (dalle 9 alle 21),
in questo caso la protezione civile provvederà, a domicilio, a consegnare il modulo di autocertificazione e a ritirarlo compilato. 
Il buono spesa è attribuito in modo prioritario in favore delle famiglie bisognose censite o accertate dai servizi sociali che non usufruiscono di altre forme di contribuzione a sostegno del reddito da parte di enti pubblici così come previsto dalla normativa nazionale.
I servizi sociali si attiveranno anche attraverso i parroci e gli istituti di volontariato al fine di intercettare persone bisognose che potrebbero non attivarsi secondo i canoni stabiliti.
Avranno diritto ad ottenere il bonus alimentare i nuclei familiari che versino in condizione di disagio economico e che abbiano redditi non superiori ai 600 euro mensili.
I cittadini aventi diritto riceveranno presso il proprio domicilio il bonus alimentare che potrà essere speso, presso gli esercizi aderenti che saranno pubblicizzati sul sito comunale, per l’acquisto di beni alimentari e di prima necessità.
Il valore del bonus sarà così graduato
1 persona Euro 80
2 persone euro 150
3 persone euro 220
4 persone euro 280
5 persone euro 350
Ogni persona in più (rispetto ai 5 componenti) euro 30

NELLE MORE DELLA CONSEGNA DEI BONUS ALIMENTARI CONTINUERÀ AD ESSERE ATTIVA LA SPESA SOSPESA PERTANTO, LE PERSONE CHE AVRANNO NECESSITÀ DI SCORTE ALIMENTARI POTRANNO CONTINUARE A RICHIEDERLE PRESSO LE ASSISTENTI SOCIALI AI NUMERI SOPRA RICHIAMATI.