l'assessore regionale alla Sanità Alessio D'Amato

I pazienti Covid 19 positivi sono in totale 197; di questi, 245 pazienti necessitano di supporto respiratorio. In questa giornata sono previste ulteriori dimissioni di pazienti asintomatici o paucisintomatici. I pazienti dimessi e trasferiti a domicilio o presso altre strutture territoriali, sono a questa mattina 180. “Continua in maniera significativa il trend di aumento del numero delle dimissioni in parallelo ad un minor numero di ricoverati Covid 19 positivi. Nell’ambito del progetto regionale ospedale-territorio, coordinato dall’istituto “L. Spallanzani”, in collaborazione con l’Ordine dei Medici di Roma e da Confcooperative, d’intesa con la direzione della ASL di Rieti e con il sindaco di Contigliano, continua oggi il programma di approfondimento epidemiologico e diagnostico su un campione della popolazione, sede di un focolaio di Covid 19. D’intesa con la ASL Roma 5, comincia lo studio di approfondimento dei pazienti ricoverati presso il Nomentana Hospital.
Da questa mattina è attivo il servizio di assistenza psicologica per i cittadini al numero verde 800.118.800.
“Le misure messe in atto per contrastare il virus stanno dando i risultati sperati. Da alcuni giorni nel Lazio registriamo un trend in frenata – ha affermato Alessio D’Amato, assessore regionale alla Sanità – non dobbiamo mollare la guardia e ricordarci che quanto sta accadendo ora è il frutto delle scelte prese quattordici giorni fa. I dati confermano una minore incidenza a Roma e una maggiore incidenza nelle aree esterne, provinciali, dove hanno pesato i casi relativi alle case di riposo. Il sistema sanitario regionale ha fatto uno sforzo straordinario. Abbiamo 5 Covid Hospital e oggi si è aperto il Covid Center al Campus Bio-medico. È una battaglia che si vince sul territorio. Quando saranno validati i test che stiamo sperimentando, allo Spallanzani e a Tor Vergata, li inizieremo perché pensiamo possano portare beneficio per capire come si è diffuso il virus, e quindi prendere le misure necessarie”.