Nell’ambito dei servizi disposti dal Comando Provinciale dell’Arma dei Carabinieri di Frosinone finalizzati a contrastare le inosservanze relative alle disposizioni di cui al D.P.C.M. del 9 marzo scorso in materia di contenimento del contagio dal Covid – 19, i Reparti dipendenti, in tutte le loro articolazioni operative, hanno proceduto nella giornata di ieri a deferite in stato di libertà per inosservanza di un provvedimento dell’Autorità le sottonotate persone:

  • a Cassino: un 35enne, residente nella provincia di Cataniaed un 27enne, rispettivamente  domiciliato e residente  nella “Città Martire” poiché fermati e sottoposti ad un controllo mentre erano a  bordo dei propri veicoli nelle vie del predetto centro, non fornivano plausibili giustificazioni rientranti nei casi di urgenza e necessità previsti dal Decreto in argomento;
  • a Piedimonte San Germano: complessivamente 5 persone (un 59enne del luogo, un 60enne , un 50enne ed un 39enne di Cassino ed una 46enne di Pignataro Interamna) poiché venivano sorpresimentre camminavano  nelle vie di Piedimonte San Germano, senza una comprovata necessità; 
  • a Sant’Elia Fiumerapido:complessivamente 3 persone (un 65enne di Belmonte Castello,  un 72enne di Sant’Elia Fiumerapido ed un65enne residente in Francia ma domiciliato in Sant’Elia Fiumerapido) poiché,  sorpresi nelle vie cittadine del predetto Comune, non fornivanoplausibili giustificazioni rientranti nei casi di urgenza e necessità previsti dal Decreto in argomento;
  • a Cervaro: due persone (un 33enne di Sant’Elia Fiumerapido ed un25enne del luogo ) poiché,  fermato mentre era alla guida di un’autovettura, a seguito di un controllo, forniva motivazioni non rientranti nei casi di necessità ed urgenza previste dal Decreto in argomento;
  • ad Atina e Picinisco: complessivamente 5 persone ( un 57enne eduna 41enne di Picinisco, una 59enne ed un 56enne di Atina, una 51enne di Villa Santa Lucia)   poiché,  sorpresi nelle vie dei comuni di residenza, fornivano motivazioni non rientranti nei casi di necessità ed urgenza previste dal Decreto in argomento;
  • a San Giorgio a Liri, Aquino, Pontecorvo, Ausonia, San Giovanni Incarico, Pignataro Interamna, Castrocielo, Pico, Ceprano, Esperia, Castenuovo parano e Roccasecca: complessivamente 29 persone (un 50enne, un 54enne, una 22enne ed una 47enne gravata da vicende penali per reati contro la persona di Esperia,   una 38enne diMinturno, un 47enne di Marino (RM)ma domiciliato in Coreno Ausonio, un 46enne di Piedimonte San Germano, un 48enne ed  una41enne di Pico, una 48enne ed una 41enne , un 64enne ed un 79enne  di Pignataro Interamna, un 43enne di Castelnuovo Parano, un 51enne  (gravato da vicende penali per reati contro l’amministrazione della Giustizia ed un31enne di Castrocielo, un 60enne di San Giorgio a Liri, una 48enne  ed un 46enne di San Giorgio a Liri, un 71enne di Atina, un 51enne di Pontecorvo, un 19enne di Cassino, un 35enne di Ausonia, un 26enne di Spigno Saturnia (LT), un 26enne di San Giovanni Incarico  (gravato da vicende penali  per reati contro la persona), un 31enne di Roccasecca (gravato da vicende penali per reati contro il patrimonio, la persona e stupefacenti), un 33enne ed un 62enne di Colle San Magno ed un 46enne di Sant’Ambrogio del Garigliano) poiché venivano sorpresi a camminare  o a bordo delle proprie autovetture, senza una comprovata necessità;
  • ad Alatri:complessivamente  6 persone (un 59enne di Ferentino, una 54enne  ed un 53enne di Frosinone, un 49enne di Veroli un 33enne ed un 35enne, entrambirumeni ma  residente in Alatri)  poiché sorpresi a camminare o a bordo delle proprie autovetture, fornivano motivazioni non rientranti nei casi ed urgenza indicati dal Decreto in argomento;
  • inoltre venivano deferiti in stato di libertà per “combustione illecita di rifiutiun 29enne ed un 22enne di nazionalità marocchina, ma residenti in Alatri, poiché sorpresi a bruciare sterpaglie e vari materiali.
  • a Fiuggi:complessivamente 4 persone (un 53enne, un 50enne, un 58enne ed un 38enne, tutti di nazionalità rumena e residenti nella città termale) poiché  fermati a bordo di un’autovettura, a seguito del relativo controllo non fornivano motivazioni considerabili di comprovata necessità ed urgenza;
  • ad  Anagni, Ferentino e Piglio: complessivamente 11 persone ( un 42enne, un 25enne residenti in Frosinone,  di Ferentino, un 72enne ed una 73enne di Acuto,  un 53enne, un 78enne ed una 32enne di Serrone, questt’ultima già gravata da vicende penali per reati contro la persona, un 44enne, un 64enne, un 37enne ed un 33enne  di Anagni, del luogo)  poiché, sorpresi fuori dalle loro abitazioni, non  fornivano valide giustificazioni circa la sua presenza nel luogo del controllo;
  • a Frosinone, Pofi e Giuliano di Roma: complessivamente 7 persone, (un 51enne, un 45enne di nazionalità egiziana ed un 24enne, tutti residenti in  Frosinone, un 30enne di Colleferro, un 22enne ed un 24enne  entrambi di nazionalità rumena e residenti di Aprilia (LT), un 64enne di Pofi) poiché , sorpresi nelle vie dei centri di residenza,  non fornivano giustificazioni compatibili con quelle imposte dal Decreto in argomento. Inoltre,  a seguito del controllo,  il  24enne  di Frosinone, veniva deferito in stato di libertà anche per “Detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti”,  essendo stato trovato  in possesso, a seguito di perquisizione personale e veicolare,  di gr. 2,20 di sostanza stupefacente del tipo “cocaina” (già suddivisa in dosi) e gr. 1,5 di “hashish”  mentre,  il 30enne di  Colleferro, sottoposto a perquisizione personale veniva trovato in possesso di gr. 0,20 di “cocaina”e,  pertanto,  veniva segnalato amministrativamente quale assuntore di sostanze stupefacenti.