Home In evidenza Coronavirus, Istituto “L. Spallanzani”: il bollettino medico di oggi 10 marzo

Coronavirus, Istituto “L. Spallanzani”: il bollettino medico di oggi 10 marzo

Il bollettino medico numero 40 del 10 marzo 2020 dell’Istituto Nazionale per le malattie infettive “L. Spallanzani”:

in questo momento sono ricoverati presso il nostro istituto 81 pazienti; i pazienti Covid 19 positivi sono in totale 60, inclusi dieci pazienti che necessitano di supporto respiratorio. In particolare, per alcuni di loro il quadro clinico è stabile o in netto miglioramento. I pazienti in osservazione sono 19. In giornata sono previste ulteriori dimissioni di pazienti già negativi al primo test e comunque asintomatici. I pazienti dimessi che hanno superato la fase clinica e che sono negativi per la ricerca dell’acido nucleico del nuovo coronavirus sono 283. I pazienti dimessi e trasferiti a domicilio o presso la struttura militare della Cecchignola sono 14 a questa mattina. Si desidera segnalare che, a fronte di un potenziamento della ricettività potenziale dell’Istituto, i ricoveri ad oggi risultano in lieve flessione mentre aumenta la capacità di dimissione e gestione del servizio a domicilio grazie alla collaborazione delle strutture territoriali delle ASL e alla Sanità militare.

La Regione Lazio ha definito una modalità facile per il monitoraggio epidemiologico delle persone che arrivano da altre regioni. Il monitoraggio consente ai servizi di prevenzione delle Asl di contattare persone entrate nel Lazio dalle aree geografiche del Paese dove il contagio è maggiormente diffuso e sottoporle a “sorveglianza attiva”. Puoi compilare il modulo all’indirizzo regione.lazio.it/sononellazio

Il questionario deve essere compilato da chiunque entri nella Regione Lazio per spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative, da situazioni di necessità, obblighi connessi all’adempimento di un dovere, da motivi di salute.

Ricordiamo a tutti di non intasare il numero verde 800.118.800 che, in tal modo, può rimanere accessibile per le persone che avvertono sintomi riconducibili al COVID19, oppure a chi è consapevole di essere entrati in contatto stretto con persone che lo hanno contratto.