Home Provincia Frosinone, proseguono le potature in tutta la città

Frosinone, proseguono le potature in tutta la città

In questi giorni, stanno proseguendo gli interventi di potatura e manutenzione del patrimonio arboreo cittadino, mediante gli addetti del settore ambiente, coordinato dall’assessore Massimiliano Tagliaferri. Le operazioni a carico degli alberi di alto fusto presenti in tutta la città – che, in questi giorni, in particolare, stanno coinvolgendo la zona del centro storico – rientrano nel programma di monitoraggio del verde, al fine della salvaguardia e tutela dei soggetti arborei e per evitare danni a persone e cose, anche in caso di eventi meteorologici avversi, come quelli, dovuti al forte vento, verificatisi nelle scorse settimane.

Il Comune di Frosinone, del resto, è proprietario di oltre 4.000 alberi di diversa grandezza: tale patrimonio vivente richiede una continua attività di controllo circa le condizioni fitosanitarie e di stabilità. Le attività, a cura dell’agronomo comunale Giuseppe Sarracino, riguarderanno tutte le essenze arboree, sia quelle presenti nella parte alta, sia in quella bassa del territorio comunale e comporterà un investimento, per le casse comunali, di circa 65.000 euro provenienti, in parte, dal risparmio generato dalla raccolta differenziata, con il sistema del porta a porta, che ha raggiunto la quota media del 72%.

E, sempre in ordine al patrimonio arboreo, l’amministrazione Ottaviani è attualmente al lavoro sul progetto esecutivo di “Folium – Urban forestry”, che vedrà la messa a dimora e la cura di 850 nuovi alberi di diversa grandezza, finalizzate anche a rimuovere notevoli quantità di inquinanti, contribuendo a ridurre l’anidride carbonica. Il progetto verrà messo a sistema, inoltre, con il completamento della pista ciclabile tra la stazione Ferroviaria, la delegazione Scalo e lo stadio comunale “Benito Stirpe”. Il tracciato per la mobilità alternativa si inserisce in un contesto più ampio di bonifica ambientale già avviato dall’Amministrazione Comunale, vista la presenza, nell’area, del Parco del Matusa e il progetto di riqualificazione del fiume Cosa mediante l’esecuzione di un Parco Fluviale che metterà in comunicazione l’ex stadio con l’Ascensore inclinato.