Home Cultura e spettacoli Pontecorvo. Sfilate del Carnevale: consegnato il piano sicurezza in Prefettura; il sindaco:...

Pontecorvo. Sfilate del Carnevale: consegnato il piano sicurezza in Prefettura; il sindaco: “richieste di informazioni anche da fuori regione, faremo il record di presenze nelle due domeniche”

Tutto pronto a Pontecorvo per la prima delle due sfilate del Carnevale, che taglia il traguardo della 68esima edizione. Domenica 16 e domenica 23 i sette carri allegorici, accompagnati dai gruppi in maschera e preceduti dalla banda musicale sfileranno lungo il percorso cittadino tradizionale. Partenza subito dopo pranzo da piazza Giovanni Paolo, via La Cupa e arrivo, nel tardo pomeriggio, in piazza Porta Pia. “Questa mattina abbiamo consegnato al Prefetto di Frosinone il piano sicurezza, con tutti i dettagli relativi alla viabilità, alle vie di fuga, alle postazioni degli idranti e delle ambulanze. Pronti, ovviamente, ad adeguarci ad ogni ulteriore indicazione, aggiunta o modifica che dovesse provenire dalla Prefettura” spiega Gaetano Spiridigliozzi, vicepresidente della Asm – la Azienda Multiservizi che, in linea con gli indirizzi forniti dall’Amministrazione comunale, ha curato tutti gli aspetti organizzativi, finanziari e logistici della manifestazione. “Abbiamo completato proprio in queste ore anche la lista dei componenti della giuria di esperti che dovrà valutare e votare i carri allegorici per decretare il primo classificato. I giurati – spiega Katiuscia Mulattieri, assessore comunale ai grandi eventi – sono sei professori. Tre insegnano al Liceo Artistico di Cassino e tre al Tecnico di Pontecorvo, tutti esperti in materie artistiche, creative e tecnologiche. I giurati voteranno domenica 16, in occasione della prima sfilata. Il carro vincitore sarà però premiato la domenica seguente al termine della seconda parata, quando sarà ufficializzato il podio. La gara tra carristi è tornata ad essere davvero molto sentita. Ed i carri che sfileranno sono splendidi, uno più bello dell’altro”. “Un Carnevale lungo quindici giorni è una sfida molto impegnativa, ma lo dobbiamo ai nostri cittadini, perchè vogliamo mantenere viva e forte una tradizione popolare che tutti noi viviamo con grande intensità e trasporto. Ma non nascondo che queste due settimane di festa le abbiamo volute anche per garantire ai nostri commercianti, baristi e ristoratori – dice il sindaco Anselmo Rotondo – una più durevole occasione di lavoro e di reddito. Confidiamo sulla popolarità del nostro Carnevale e dalle prime stime, elaborate sulla base delle richieste di informazioni arrivate da visitatori di fuori regione, sento di poter affermare che avremo migliaia di presenze spalmate nelle due domeniche”.