Home Provincia Frosinone, rigenerazione urbana: inizia la rivoluzione urbanistica

Frosinone, rigenerazione urbana: inizia la rivoluzione urbanistica

L’ufficio urbanistica del Comune di Frosinone ha completato le procedure per l’affidamento dell’incarico relativo alla complessa articolazione della rigenerazione urbana, che interesserà, secondo le stime, circa 2/3.000 immobili presenti all’interno del territorio comunale, con un introito potenziale di circa 10 milioni di euro. Sarà, infatti, l’arch. Demetrio Carini – figura individuata nel rispetto del principio di efficienza, efficacia ed economicità dell’azione amministrativa – a svolgere le attività connesse all’attuazione del programma di rigenerazione urbana e il recupero edilizio. Carini, già direttore della Direzione regionale Territorio e urbanistica, per cui ha svolto attività di pianificazione territoriale e paesistica e programmazione per le province laziali, Roma Capitale e provincia, espleterà le attività necessarie all’attuazione del programma stesso, individuando, all’interno del territorio comunale, ambiti ottimali di intervento e le modalità di realizzazione degli stessi. Ciò avverrà in collaborazione con il personale del Settore competente, usufruendo del materiale già in possesso degli uffici comunali. Il professionista fornirà, dunque, supporto al servizio comunale nella predisposizione degli Atti deliberativi, in conformità alla vigente strumentazione urbanistica, da sottoporre all’approvazione del Consiglio comunale; in un secondo momento, si procederà, quindi, alla organizzazione di un evento pubblico di presentazione all’utenza (cittadini, professionisti, esperti, stakeholder del territorio) dei criteri e degli indirizzi con i quali l’Amministrazione Ottaviani intende perseguire gli obiettivi prefigurati nella normativa. L’emolumento del tecnico sarà coperto mediante gli introiti derivanti da danno ambientale.

Il piano di rigenerazione urbana è finalizzato ad incentivare la razionalizzazione del patrimonio edilizio esistente, promuovendo la riqualificazione di aree urbane e di tessuti edilizi; l’obiettivo, inoltre, è di intervenire su edifici a destinazione residenziale e non residenziale mediante interventi di demolizione e ricostruzione, adeguamento sismico e efficientamento energetico.