Home Area Nord Mostra segni di nervosismo durante un controllo dei Carabinieri: 34enne di Fumone...

Mostra segni di nervosismo durante un controllo dei Carabinieri: 34enne di Fumone trovato in possesso di diverse dosi di droga

I Carabinieri della Compagnia di Alatri hanno portato a termine nei giorni scorsi una importante attività preventiva di controllo del territorio che ha permesso al personale del N.O.R.M.- Aliquota Radiomobile di trarre in arresto un 34enne di Fumone (già gravato da vicende penali specifiche) poiché resosi responsabile del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.
I militari, nel corso di attività perlustrativa nel comune di Fumone, hanno notato un veicolo in marcia il cui autista, alla vista dell’auto dell’Arma, immediatamente accelerava, dando l’impressione di tentare di allontanarsi nel più breve tempo possibile, dirigendosi verso il comune di Alatri.
I Carabinieri, insospettiti da tale comportamento, hanno deciso di seguire l’auto a distanza senza perderlo di vista; nel contempo, hanno notato che l’uomo durante il tragitto da Fumone ad Alatri utilizzava costantemente un telefono cellulare pobabilmente per avvisare qualcuno: hanno così deciso di bloccarlo e di procedere al suo controllo e di eseguire, successivamente, una perquisizione personale e veicolare, il cui esito però dava un esito negativo.
Continuando a non trovare elementi che potessero in qualche modo giustificare la sua condotta e notando un suo evidente nervosismo nel corso del controllo, i Carabinieri decidevano di estendere la perquisizione presso la sua abitazione; qui i dubbi diventavano certezze. Difatti, nel corso delle fasi esecutive della perquisizione, all’interno della sua abitazione è stato trovato in possesso di:

. una dose di cocaina, abilmente occultata all’interno di un contenitore (successivamente risultata avere il peso di gr.0,50 circa),

. gr. 21, 24 di hashish, (suddivisi in tre dosi);

. gr. 50 circa di marijuana;

. due bilancini di precisione;

. la somma di euro 800 ritenuto il provento dell’attività illecita dello spaccio.

Quanto rinvenuto veniva posto sotto il vincolo del sequestro, mentre l’arrestato, ad espletate formalità di rito, è stato associato presso al Casa Circondariale di Frosinone, a disposizione della competente A.G.