Home Cronaca Guardia di Finanza: sequestrati oltre tre quintali di fuochi d’artificio illecitamente detenuti...

Guardia di Finanza: sequestrati oltre tre quintali di fuochi d’artificio illecitamente detenuti anche presso un’abitazione, denunciata una persona a Veroli

il materiale sequestrato dalla Guardia di Finanza di Frosinone a Veroli

Il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Frosinone, nell’imminenza delle festività natalizie e di fine anno, ha avviato una serie di controlli sul territorio provinciale finalizzati a verificare la corretta applicazione delle norme in materia di sicurezza prodotti, nel corso dei quali ha sottoposto a sequestro oltre 3 quintali di fuochi di artificio illecitamente detenuti. In particolare, le Fiamme Gialle del Gruppo di Frosinone, nel corso di un controllo presso un esercizio commerciale sito aVeroli, hanno rinvenuto artifizi pirotecnici di non libera vendita, irregolarmente detenuti dal commerciante. Tale circostanza, unitamente ad altri elementi apprezzati sul posto dai Finanzieri, inducevano gli stessi a proseguire il controllo presso l’abitazione dell’imprenditore ubicata sempre nel Comune di Veroli in prossimità di altri edifici abitati da molte persone, dove veniva rinvenuto un vero e proprio arsenale di fuochi d’artificio, illecitamente stipati all’interno di un garage annesso alla casa e destinati alla vendita nell’imminente periodo di festività natalizia e di fine anno.
L’operazione di servizio, complessivamente, si concludeva con il sequestro di n. 436.765 prodotti d’artificio, pari a kg. 301 di peso netto di massa esplodente, corrispondenti a circa mille chilogrammi di artifizi pirotecnici e con la denuncia a piede libero dell’imprenditore – un trentacinquenne di Veroli – per violazioni in materia di sicurezza, detenzione, fabbricazione e commercio abusivo di prodotti esplodenti.
In ultimo, i fuochi d’artificio sequestrati sono stati concentrati presso un deposito autorizzato ed attrezzato per la detenzione di prodotti esplodenti, ristabilendo così le necessarie situazioni di sicurezza della zona abitata ove erano stipati i fuochi d’artificio, stante la vicinanza al luogo del sequestro di numerosi immobili adibiti a civili abitazioni.