Home Anagni Addio all’ultimo servizio sanitario ospedaliero: il laboratorio Analisi. La nota del Comitato...

Addio all’ultimo servizio sanitario ospedaliero: il laboratorio Analisi. La nota del Comitato “Salviamo l’ospedale di Anagni”: indifferenza dei nostri politici, sia di maggioranza che di opposizione”

VLUU L110, M110 / Samsung L110, M110

Dal Comitato “Salviamo l’Ospedale di Anagni” riceviamo la nota che segue e che pubblichiamo integralmente e senza modifiche:

Nell’indifferenza generale dei nostri politici di maggioranza e di opposizione e della popolazione, anche l’ultimo servizio sanitario ospedaliero e cioè il laboratorio analisi di Anagni, si è preferito chiuderlo piuttosto che mantenerlo e potenziarlo. Ancora una volta ci si è adeguati alle scelte dettate da chi del nostro territorio non conosce nemmeno i problemi dei nostri malati.
Il Comitato salviamo l’Ospedale di Anagni ritiene che si debba continuare a difendere la nostra sanità e il nostro territorio della zona nord della Ciociaria, ora più che mai! Proprio ora è necessario, per il venire meno di promesse che giustificavano i sacrifici delle piccole strutture, con la prospettiva di un DEA finalmente adeguato alla nostra Provincia. Mentre si profilano all’orizzonte nuove imprese industriali di preoccupante impatto ambientale. Come cittadini forse abbiamo avuto in questi anni troppa fiducia in chiunque si è avvicendato nella gestione della cosa pubblica sia locale che nazionale.
Vorremmo almeno essere trattati con dignità, sapere ad esempio che servizi vengono erogati nell’ex Ospedale di Anagni dove operano ancora medici e infermieri di grande professionalità e umanità. Una struttura ancora funzionante h24 come il PAT ad esempio da chi può essere utilizzata e per quali motivi?
Neanche vogliamo rassegnarci alle promesse di chi ci rassicurava dicendo che. a breve, lo stesso laboratorio sarebbe stato sostituito da apparecchiature all’avanguardia, utilizzate per esami in emergenza (da fare a chi? ).
Di fatto il laboratorio di analisi è chiuso oramai da 20 giorni e delle apparecchiature POCT (Point of Care) nemmeno l’ombra.
Un ringraziamento speciale lo dedichiamo a chi ha fatto ‘TANTO RUMORE PER NULLA. Auguriamo invece a coloro che hanno determinato la chiusura dell’Ospedale di Anagni di partecipare con tutto il dolore possibile all’assalto quotidiano di malati e parenti al Pronto soccorso di Frosinone.