Home Anagni Giornata per i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza: il flash-mob dei giovanissimi studenti...

Giornata per i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza: il flash-mob dei giovanissimi studenti del Primo Istituto Comprensivo Anagni

il flash mob realizzato dai ragazzi all'esterno dell'istituto scolastico

Un albero dei diritti… vivente: hanno celebrato così, questa mattina – mercoledì 20 novembre – i giovanissimi studenti dell’Istituto Comprensivo Primo Anagni la giornata dei Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza di cui, tra l’altro, quest’anno ricorre il trentennale. L’evento è consistito in un flash-mob realizzato dagli studenti della Scuola dell’Infanzia, della scuola Primaria e della scuola Secondaria di primo grado nel cortile della scuola che si sono disposti in maniera da prendere la forma di un albero con tanto di radici, chioma e tronco. “Ogni studente, come una piccola pianta che cresce, ha voluto manifestare l’assoluta necessità di garantire a tutti i bambini e gli adolescenti del mondo i diritti fondamentali ad una vita sana, dignitosa e amorevole e diventare così adulti sereni, equilibrati e consapevoli – fanno sapere dal Primo Istituto Comprensivo – accompagnati dalle note della famosa canzone “We are the world”, i ragazzi hanno fatto sventolare i loro cartoncini verdi e marroni alla fine del flash mob per salutare tutti i presenti. E’ stato un momento molto significativo e di grande spessore per il nostro istituto, che essendo scuola Amica Unicef, continua a condividere e sponsorizzare lo spirito di questa organizzazione”.
L’importante ricorrenza è stata celebrata anche in molti altri istituti scolastici della provincia: attraverso percorsi con i bambini fatti di letture, filmati, rappresentazioni e chiacchierate sono stati realizzati progetti su uno o più diritti a scelta tra cartelloni, alberi di carta, decorazioni plastificate, striscioni, sagome di cartone e persino una speciale carta dei diritti che sono stati esposti all’esterno (sulle cancellate o in giro per il quartiere) e all’interno delle singole strutture per sensibilizzare non sole le famiglie, ma anche tutto il territorio.