Home In evidenza Nel salone di rappresentanza del palazzo della Provincia di Frosinone nuova assemblea...

Nel salone di rappresentanza del palazzo della Provincia di Frosinone nuova assemblea informativa degli ex lavoratori ciociari in regime di mobilità in deroga

Nuova assemblea informativa da parte degli ex lavoratori ciociari in regime di mobilità in deroga questo pomeriggio – lunedì 18 novembre – alla sala di rappresentanza della Provincia di Frosinone. Sala piena di disoccupati con i sindacati territoriali. Sono giunte buone notizie per circa 1600 ex lavoratori. Hanno ricevuto proprio in questi giorni il pagamento dell’ammortizzatore sociale grazie al riconoscimento della provincia di Frosinone di Area di Crisi Industriale Complessa. Per molte famiglie questo sostegno è l’unica risorsa economica. Dopo nove mesi di attesa quindi finalmente i disoccupati in mobilità in deroga in ciociaria, possono esultare. Ma la scadenza dei pagamenti non è quella ipotizzata inizialmente dai disoccupati ovvero il 2 gennaio 2020, ma il 31 ottobre 2019. Poi ci sarà un nuovo pagamento, una seconda rata fino al 2 gennaio 2020. I disoccupati riuniti nel comitato Vertenza Frusinate, hanno sollecitato i sindacati territoriali ad incalzare la Regione Lazio che poi deve inviare le determine di pagamento all’Inps. La paura è quella di ripetere l’esperienza dei pagamenti fino al 31 ottobre. Con la scadenza del 2 gennaio 2020, i disoccupati agganciano l apossibilità di proroga per tutto il nuovo anno che sta per arrivare. Misura prevista grazie al riconoscimento dell’Area di Crisi Industriale Complessa. Poi c’è l’obiettivo delle politiche attive con le quali cercare di ottenere qualche posto di lavoro per i disoccupati in mobilità in deroga. Due i progetti in campo: il primo è relativo agli Under 58 e riguarda formazione nelle aziende che manifesteranno la volontà di poter assumere personale dopo appositi corsi di formazione. Il secondo è invece relativo agli Under 58 e riguarda lavori di pubblica utilità negli Enti Pubblici. La Regione Lazio ha avviato incontri con le parti datoriali per cercare di verificare la disponibilità alle assunzioni magari con con incentivi.